Cie © ministero degli Interni
Cie © ministero degli Interni

L’Ambasciata d’Italia a Berlino è lieta di informare che a partire dal 1° ottobre 2020 prenderà avvio anche nella rete consolare in Germania il progetto per il rilascio delle Carte di identità elettroniche (CIE).

Tutte le nove Sedi consolari si stanno preparando ad offrire questo ulteriore servizio, atteso da tempo dalla collettività italiana residente in Germania e per il quale ci si attende una forte richiesta nei prossimi mesi. Considerato che, se la domanda delle CIE fosse troppo forte nei primi mesi di attuazione della nuova procedura, potrebbero verificarsi rallentamenti e ritardi, sarà importante che le richieste di CIE da parte dei connazionali si distribuiscano nel tempo e non vengano presentate tutte insieme: chi è in possesso di altro documento è quindi invitato a non presentare immediatamente la richiesta di CIE e ad aspettare qualche mese, per evitare il rischio che, nella prima fase, si creino difficoltà ai connazionali che necessitano della CIE quale loro unico documento d’identità.

A partire dal 15 settembre (in alcune Sedi già a partire dal 10), i connazionali iscritti all’AIRE che hanno la carta d’identità in scadenza (a partire da 6 mesi prima della scadenza) potranno fissare un appuntamento per il rilascio della CIE (dal 10 settembre non sarà più possibile chiedere il rilascio della vecchia carta d’identità cartacea). La CIE potrà essere richiesta anche in caso di furto, smarrimento o deterioramento della propria carta d’identità.

Prima del giorno dell’appuntamento, le Sedi consolari effettueranno già tutti gli accertamenti (ed eventualmente gli allineamenti dei dati) necessari per il rilascio della CIE, predisponendo la pratica.

Il connazionale dovrà poi recarsi allo sportello il giorno dell’appuntamento per la firma della richiesta, l’acquisizione delle impronte digitali e la consegna della vecchia carta d’identità e della foto. In caso di figli minori, bisognerà portare anche la dichiarazione di assenso dell’altro genitore, mentre in caso di furto o smarrimento sarà necessaria la denuncia alla Polizia.

Completata la procedura allo sportello, gli Uffici consolari trasmetteranno telematicamente la richiesta all’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato (IPZS) a Roma, per la stampa delle carte; le CIE verranno inviate per posta raccomandata direttamente all’indirizzo indicato dall’utente, e arriveranno di norma entro 2/3 settimane dal momento dell’appuntamento.

La CIE costa 21,95 Euro in caso di primo rilascio o di rinnovo a scadenza; 27,11 Euro in caso di duplicato (per furto, smarrimento o deterioramento).

Sui siti internet degli Uffici Consolari si trovano tutte le informazioni di dettaglio sulla procedura da seguire per richiedere la CIE (incluse le modalità per la richiesta di appuntamento, per il pagamento, ecc.).

Maria Montessori, il processo di pace comincia fra i banchi di scuola

Articolo precedente

Wir schaffen das. Cinque anni dopo

Articolo successivo

Ti potrebbe piacere anche

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *