Castel del Monte © Direzione Musei Puglia MiC
Castel del Monte © Direzione Musei Puglia MiC
Santa Severa © Francesco Labella

Santa Severa © Francesco Labella

Dopo le Piccole fughe in un’Italia nascosta e #piazzadante, l’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo si rimette (virtualmente) in viaggio, seguendo torri di avvistamento e svettanti merlature all’orizzonte, per disegnare la mappa di un nuovo viaggio ideale. Si parte alla volta di castelli di mare, montagna, collina, lago… alla scoperta di roccaforti difensive, castelli isolati, borghi “castellari”, castelli che sono diventati residenze, castelli oggi divenuti musei: l’Italia è puntellata di castelli  – più di 20.000 – che hanno accompagnato la sua storia fin dal medioevo, e che ne hanno profondamente caratterizzato il paesaggio.

Gubbio Palazzo Consoli © Paolo Tosti

Gubbio Palazzo Consoli © Paolo Tosti

Quadrati, rettangolari, stellari, ottagonali, pentagonali: seguendo le tracce di Federico II in Basilicata e in Puglia, l’incredibile sincretismo arabo-normanno in Sicilia, gli scenografici castelli costieri sul mar Tirreno e mar Ionio, le fortezze di sapore scaligero in Lombardia e in Veneto, le strepitose decorazioni ad affresco dei castelli del Trentino e della Valle d’Aosta, i borghi castellari disseminati tra Abruzzo, Marche e Umbria; e poi ancora, le eleganti residenze piemontesi, le iconiche strutture castellari dell’Emilia-Romagna, fino ai cavalli molisani, alle bizzarrie orientalistiche toscane, e ai castelli di mare e collina della Sardegna.

Curiosità: nel settembre 1980 le Poste Italiane lanciavano la premiata serie di francobolli Castelli d’Italia, che ritraeva i più significativi castelli italiani inscritti in un cerchio su fondo colorato e un valore che andava dalle 5 lire alle 1.400 lire: i castelli hanno accompagnato le lettere degli italiani fino al 1998, quando sono stati sostituiti dall’altrettanto fortunata serie La donna nell’arte.

Castello di Bracciano © Francesco Labella

Castello di Bracciano © Francesco Labella

Il progetto Andar per castelli si avvale di strumenti di geolocalizzazione che accompagnano il visitatore in una consultazione geografica con l’uso della piattaforma openstreetmap: i viaggiatori appassionati potranno trarne ispirazione per la costruzione di un personale itinerario di viaggio.

Una galleria di immagini di altissima qualità accompagna il viaggio, grazie alla collaborazione di fotografi e viaggiatori, che l’Istituto ha coinvolto attivamente attraverso le reti social, sperimentando un’ulteriore strategia di comunicazione digitale.

Un grazie particolare va al Ministero della Cultura che, con l’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo, ha condiviso esperienze ed immagini dei castelli della rete MiC.

La rassegna gode del patrocinio del Ministero della Cultura (MiC)

Castello di Bosa © IICHamburg

Castello di Bosa © IICAmburg

…e per coloro i quali sognano il mare, niente paura: tra un castello e l’altro l’Istituto non mancherà di imbarcarsi alla scoperta delle piccole e grandi isole italiane con il progetto Andar per isole, che accompagnerà il pubblico fino alla mostra fotografica Archipelago (Istituto Italiano di Cultura di Amburgo, dicembre 2021).

Seguite dal 12 aprile 2021 sui canali social dell’Istituto per rimanere sintonizzati sulla prossima meta! Auf geht’s, partiamo!

I progetti sono parte della più ampia programmazione online dell’Istituto #StayTunedonIT e #StayfIT. IICAmburgo iicamburgo.esteri.it

Le tappe del viaggio da Sud a Nord:

Castello di Soave © Diletta Bozzetto

Castello di Soave © Diletta Bozzetto

Sicilia: Donnafugata, Cuba e Zisa a Palermo; Calabria: Le Castella, Castello di Santa Severina; Basilicata: Lagopesole, Castello di Melfi, Castello di Venosa; Puglia; Castello di Bari, Castello di Trani, Castel del Monte; Campania: Castel Sant’Elmo, Castel dell’Ovo e Castelnuovo a Napoli, Castello di Baia a Bacoli; Molise: Castello Pandone di Venafro, Santuario dell’Addolorata di Castelpetroso, Castello Termoli; Lazio: Torre Astura, Castello Caetani di Semoneta, Castello Osini Odescalchi Bracciano, Santa Severa; Abruzzo: Roccascalegna, Castello di Crecchio, Rocca Calascio; Umbria: Castello di Alviano a Terni, Palazzo dei Consoli a Gubbio, Palazzo Ducale di Gubbio, Castello Bufalini a San Giustino; Emilia-Romagna: Fortezza di San Leo, Castello di Torrechiara, Fontanellato, Castell’Arquato; Marche: Castel Trosino,

Castello Miramare © MIC

Castello Miramare © MIC

Gradara; Toscana: Forte Stella, Sammezzano; Sardegna: Castello di Acquafredda, Castello Las Plassas, Castello Serravalle a Bosa; Liguria: Torre Scola, Castello di Lerici, Castello di Rapallo; Piemonte: Castello reale di Casotto, Sacra di Michele, Cannero Riviera; Valle d’Aosta: Fénis, Forte di Bard, Castel Savoia; Lombardia: Castello di Chignolo Po, Rocca Scaligera Sirmione, Castello di Vezio al Lago di Como; Trentino-Alto Adige: Castel Toblino, Castello del Buonconsiglio di Trento, Castel Thun in Val di Non, Castello di Roncolo; Veneto: Castello di Soave, Castello di Marostica; Friuli- Venezia-Giulia: Castello di Villalta, Castello di Duino, Castello di Miramare.

Scoprite la mappa openstreetmap  >>> QUI

Le signore si danno alla pesca

Articolo precedente

Il burnout, un male sociale nascosto

Articolo successivo

Ti potrebbe piacere anche

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *