Giacomo Leopardi A. Ferrazzi © casa Leopardi

Il 14 giugno 1837 moriva a Napoli uno dei più grandi poeti, filosofi, scrittori, filologi e glottologi italiani: Giacomo LeopardiEra nato a Recanati 39 anni prima, dal matrimonio fra il conte Monaldo e sua cugina Adelaide Antici. Giacomo, la cui madre, fervente cattolica fino al parossismo si augurava che i figli le morissero piccoli in modo tale che rimanessero in santità, oltre ad un’educazione conseguentemente rigida e fredda, ebbe la disgrazia di soffrire di una particolare forma di cacosmia, cioè di sentire gli odori invertiti (ciò che per noi odora, per lui puzzava e viceversa), ed era gobbo. Tutto ciò lo rese estremamente infelice, ma anche uno dei più grandi poeti mai esistiti al mondo. Vogliamo ricordarlo con quello che è forse il suo idillio più famoso, L’Infinito.

.

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,
e questa siepe, che da tanta parte
dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
spazi di là da quella, e sovrumani
silenzi, e profondissima quïete
io nel pensier mi fingo, ove per poco
il cor non si spaura. E come il vento
odo stormir tra queste piante, io quello
infinito silenzio a questa voce
vo comparando: e mi sovvien l’eterno,
e le morte stagioni, e la presente
e viva, e il suon di lei. Così tra questa
immensità s’annega il pensier mio:
e il naufragar m’è dolce in questo mare.
Il manoscritto originale

 

L’infinito. Voi quale versione preferite? Quella di Vittorio Gassmann, oppure…

quella di Arnoldo Foà?

L’ultima Fuga di Bach

Articolo precedente

Carne da macello

Articolo successivo

Ti potrebbe piacere anche

1 Comment

  1. Che bravi! Costruite tante belle occasioni che non hanno nulla di scontato o di banale. Non ci sono commenti a questa vostra rimembranza? Così è l’Italia, un po’ becera e molto avida di cose stupide. Avere qui portato le tre più belle letture dell’Infinito è una cosa che andrebbe commentata con entusiasmo. Però sappiate che c’è sempre qualcuno che apprezza e che vi stima.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *