Draussen © il Deutsch-Italia
Draussen © il Deutsch-Italia
L’ESTASI DELL’INGORGO

Il tedesco non parte per le vacanze. Emigra. Un esodo biblico verso il Sud, nel caldo ventre mediterraneo. Die Sonne, il sole, è per l’appunto femminile. Partono in colon­ne d’auto, paraurti contro paraurti, la radio sintonizzata sulla stazione che a intervalli regolari comunica le condi­zioni del traffico, come un martellante bollettino di guerra. Avanzano tutti, accomunati dall’identico destino, nelle Mercedes e nelle Trabant, verso la loro prevista, inevitabi­le, agognata Waterloo, posta al Kamener Kreuz, il nodo autostradale nel cuore della Ruhr, tra nord e sud, est e ovest. Non è un semplice incrocio, è il Maelstrom delle au­tostrade, semplice all’apparenza, vi trascina nel suo gorgo di svincolo in svincolo, sempre più ampio, sempre più pro­fondo, inestricabile groviglio fino all’assoluta perfezione, all’estasi dell’ingorgo. Anzi, l’ingorgo come massima kan­tiana.

Nulla si muove, in nessuna direzione. Ci si guarda dai finestrini, si stringono amicizie, si improvvisano pic-nic sui bordi dell’autostrada, si invitano i casuali amici intorno al barbecue come innanzi a una pira sacrificale, e s’immola in offerta votiva, il wùrstel, alla divinità auto.

Prima di mettermi al volante, consulto il piano delle fe­rie federali come lo skipper della Coppa America controlla correnti e andamento dei venti.

Le vacanze sono frequenti e capricciose nella laboriosa terra germanica, giustamente scaglionate da Land a Land, da fabbrica a fabbrica, a evitare la paralisi festaiola del no­stro ferragosto. Si chiude prima nella meridionale e torrida Baviera, almeno per le condizioni locali, dove i giudici con­siderano un’attenuante il Föhn, il vento umido e caldo che scende dalle montagne a turbare corpi e menti, anche per i più efferati serial killer. E man mano che si sale verso il Baltico l’inizio delle ferie si sposta da giugno a luglio.

Non è semplice. Si parte per due settimane a Natale, e altre due settimane a febbraio, le cosiddette Skiferien, e al­tre due settimane sono a disposizione per Pasqua, senza di­menticare La Pentecoste, il ferragosto teutonico. Con il be­nessere i tedeschi hanno scoperto Parte dei ponti, e nessun Paese in Europa ha tanti giorni festivi, diciotto o dicianno­ve, tra cattolici e protestanti e ricorrenze civili. In Baviera si chiude per l’Immacolata Concezione, nella luterana Prussia per il Buss und Bett Tag, il giorno della preghiera e del pentimento, e in nome dello spirito ecumenico, nei Länder di confine spirituale dove cattolici e protestanti si mischiano, per rispetto del prossimo tutti festeggiano tutto.

Non basta controllare le « chiusure » del Land dove abi­tate, dovete tener conto di quelle delle regioni che vi in­combono sopra, vi premono di fianco, e vi attendono al varco sulla strada del Sud. Se parto da Bonn, all’estremità meridionale della Nord Renania Westfalia, per raggiungere Roma passerò per la Renania Palatinato di Helmut Kohl, aggirerò Francoforte in Assia, e sprofonderò nel Baden- Württemberg fino in Svizzera. Tutti a scuola e al lavoro? Ma ecco piombarmi alle spalle l’orda proveniente dal Nord, da Amburgo e dallo Schlewig-Holstein. Voglio tran­sitare per il Brennero? Allora, non dovrò dimenticare Ber­lino e i nuovi Länder, con la loro giustificata sete di vacan­ze dopo mezzo secolo di « muro ». Come ricordarsi del Mecklenburg e della Pomerania, sperduta verso i Laghi Masuri, quando faccio i bagagli sulle rive del Reno, dove a tendere l’orecchio quasi si sentono le allegre note del can­can di Pigalle, se il vento è favorevole?

mm
Roberto Giardina, dal 1986 in Germania, è corrispondente per il QN (Giorno-Resto del Carlino- La Nazione) e Italia Oggi. Autore di diversi romanzi e saggi, tradotti in francese, spagnolo, tedesco. In Germania è uscito "Guida per amare i tedeschi", "Anleitung die Deutschen zu lieben" (Argon e Goldmann), "Complotto Reale" (Bertelsmann), "In difesa delle donne rosse" (Argon), "Hundert Zeilen", "Berlin liegt am Mittelmeer" (Avinus Verlag), "Pfiff", romanzo sulla Torino degli Anni Sessanta e la rivolta operaia di Piazza Statuto; "Attraverso la Francia, per non dimenticare il Belgio"; "Lebst du bei den Bösen?", "vivi tra i cattivi, la Germania spiegata a mia nipote"; e recentemente "Il Muro di Berlino. 1961-1989".

Beethoven, Rossini e Mozart: quegli incontri proibiti tra il falso e il vero

Articolo successivo

Ti potrebbe piacere anche

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *