Soldati tedeschi in Russia © Bundesarkiv B 101I-213-0254-07A Gebauer © CC BY-SA 3.0
Soldati tedeschi in Russia © Bundesarkiv B 101I-213-0254-07A Gebauer © CC BY-SA 3.0
Soldati tedeschi in Russia © Bundesarkiv B 101I-268-0178-06 Böhmer CC BY-SA 3.0

Soldati tedeschi in Russia © Bundesarkiv B 101I-268-0178-06 Böhmer CC BY-SA 3.0

L’eroe dell’offensiva di Hitler contro l’Unione Sovietica di Stalin non era un eroe, ma il suo volto lo conoscevano milioni di tedeschi. Un eroe senza nome, a sua insaputa. Da bambino, lo storico André Postert, 37 anni, vedeva la foto un giovane soldato incorniciata in salotto. «Chi è?» chiese ai genitori. «Nonno Frank», senza spiegazioni. Una foto sfocata, come sono quelle autentiche di guerra. Poster lavora all’“Hannah-Arendt-Institut” per le ricerche sul totalitarismo all’Università di Dresda, e ha deciso di scoprire chi fosse questo nonno morto prima che lui nascesse.

Soldati tedeschi in Russia © Bundesarkiv 101I-186-0166-04A Heinzr Fremke CC BY-SA 3.0

Soldati tedeschi in Russia © Bundesarkiv 101I-186-0166-04A Heinzr Fremke CC BY-SA 3.0

La foto era tratta da un filmato del “Wochenschau”, la rassegna settimanale proiettata nei cinema prima del film, mezz’ora con le notizie di attualità, un po’ come la “Settimana Incom” in Italia, nel dopoguerra prima che giungesse la tv. Il 22 giugno del ‘41, iniziò l’“Operazione Barbarossa” sul fronte orientale, e il cinegiornale mostrava per due o tre secondi il nonno Frank, all’attacco contro i rossi, lo sguardo verso l’orizzonte. Immortalato per sempre, anche mezzo secolo dopo la fine della guerra nei documentari storici, la sua immagine veniva scelta come un simbolo della guerra contro l’Urss, un’icona del XX secolo. Se si cerca in internet, si scopre ancora il soldato Frank. «Mio nonno era un nazista?» si è chiesto il nipote.

Hitler aveva previsto una guerra lampo contro l’Urss, ma al 10 ottobre le divisioni corazzate sono ferme nella sacca di Wjasma-Brjansk. Mezzo milione di soldati sovietici sono circondati, ma resistono, Mosca deve essere conquistata prima dell’inverno. Il Führer non vuol fare la fine di Napoleone.

Come continuare a mostrare al “Wochenschau” sempre le stesse facce? Il 22 ottobre le immagini della battaglia a Wjasma-Brjansk arrivano nei cinema in patria: soldati tedeschi guadano un fiume, conquistano un paese. E Frank è sempre lì, come a giugno. Poco credibile.

oseph-Goebbels-©-Bundesarkiv-B-146-1968-101-20A-©-CC-BY-SA-3.0

oseph-Goebbels-©-Bundesarkiv-B-146-1968-101-20A-©-CC-BY-SA-3.0

All’inizio, Hitler controllava ogni numero del “Wochenschau”, poi lasciò il compito a Joseph Goebbels. E il ministro della Propaganda non è soddisfatto del cinegiornale. A casa, la famiglia è preoccupata per Frank, dal fronte non giungono notizie. Perché sempre quell’immagine? Forse è ferito, o morto. La madre scrive e chiede che il figlio non continui a combattere in prima linea. Era possibile in certi casi, se il figlio era l’unico sostentamento della famiglia, o se il padre era caduto nella Grande Guerra, o rimasto invalido per le ferite.

La mamma mente, il marito è morto di tubercolosi a causa dei gas a Verdun. E viene creduta, è anche interesse del Reich evitare che l’eroe del cinegiornale cada in battaglia. Nel maggio del ‘42, Frank viene trasferito nelle retrovie. Ma non è in salvo. Dopo mesi a Coblenza lo mandano nella Jugoslavia occupata. Non al fronte, ma ogni giorno rischia la vita contro i partigiani.

Soldati tedeschi in Russia © Bundesarkiv B 101I-268-0154-11 Böhmer CC BY-SA 3.0

Soldati tedeschi in Russia © Bundesarkiv B 101I-268-0154-11 Böhmer CC BY-SA 3.0

Il nonno si è reso colpevole di rappresaglie contro la popolazione? Il nipote sospetta che sia probabile. Come saperlo? Frank finisce prigioniero dei “rossi”, torna libero nell’autunno del ‘46, è un invalido, una gamba e le braccia paralizzate. Morirà a 61 anni. Il nipote tra milioni di dossier negli archivi non ha trovato nulla a carico del nonno. Non era iscritto al partito nazista, non fu un eroe, non fu un criminale di guerra. Un simbolo per caso tra milioni di giovani tedeschi.

.

.

© per gentile concessione di ItaliaOggi

mm
Roberto Giardina, dal 1986 in Germania, è corrispondente per il QN (Giorno-Resto del Carlino- La Nazione) e Italia Oggi. Autore di diversi romanzi e saggi, tradotti in francese, spagnolo, tedesco. In Germania è uscito "Guida per amare i tedeschi", "Anleitung die Deutschen zu lieben" (Argon e Goldmann), "Complotto Reale" (Bertelsmann), "In difesa delle donne rosse" (Argon), "Hundert Zeilen", "Berlin liegt am Mittelmeer" (Avinus Verlag), "Pfiff", romanzo sulla Torino degli Anni Sessanta e la rivolta operaia di Piazza Statuto; "Attraverso la Francia, per non dimenticare il Belgio"; "Lebst du bei den Bösen?", "vivi tra i cattivi, la Germania spiegata a mia nipote"; e recentemente "Il Muro di Berlino. 1961-1989".

Primavera per il movimento antimafia tedesco

Articolo precedente

Sei un fascista se ami la bandiera?

Articolo successivo

Ti potrebbe piacere anche

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *