Berlinale 2021 © Berlinale
Berlinale 2021 © Berlinale
© il Deutsch-Italia

© il Deutsch-Italia

Quest’anno la “Berlinale”, il Festival del Cinema della Capitale tedesca, come tantissime altre attività in tutto il mondo, ha subito stravolgimenti considerevoli dovuti alla pandemia del Covid-19 (si sarebbe dovuta svolgere dall’11 al 21 febbraio scorso). La 71esima edizione (1-5 marzo) si terrà infatti parte online (per giornalisti e addetti ai lavori) e parte dal vivo, il cosiddetto “Summer Event” (per il pubblico), compresa la festa della premiazione, il prossimo mese di giugno (9-20), con proiezioni all’aperto e in sala. Almeno nelle speranze. Forse, per dirla con un motto gramsciano, secondo una visione ottimistica della volontà, ma ritengo pessimistica (spero di sbagliarmi) della ragione.

Mariette Rissenbeek e Carlo © il Deutsch-Italia

Mariette Rissenbeek e Carlo © il Deutsch-Italia

Questa pertanto la tabella di marcia che inizierà quest’oggi, stabilita dagli organizzatori del Festival, che quest’anno vede le prime novità volute dalla nuova direzione artistica, quella dell’italiano Carlo Chartian, e da quella esecutiva già collaudata dell’olandese Mariette Rissenbeek. Fra queste spicca la denominazione per così dire gender neutral per i premi assegnati non più al miglior “attore” o “attrice” protagonista, bensì al miglior performer nella recitazione di un ruolo principale e quello di un ruolo secondario. Il tutto nel più assoluto conformistico andazzo del rispetto di scelte fatte nell’alveo del politically correct. «Non separare più i premi di recitazione per genere è un segnale per una consapevolezza più equa di genere nell’industria cinematografica», hanno commentato i due direttori del Festival.

Per Lucio © Teche Rai

Per Lucio © Teche Rai

All’edizione 2021, presentata alla stampa rigorosamente online l’11 febbraio scorso, hanno preso parte 6.318 film (480 meno dello scorso anno) e di questi, viste le restrizioni imposte giocoforza dal Covid, solo 166 sono stati quelli scelti dai curatori (in genere erano circa 400).

Quest’anno sono 15 le pellicole in concorso, fra le quali due sono opere prime, e rappresentano le produzioni cinematografiche di 16 Paesi. Le sole due opere italiane sono “Per Lucio”, un documentario di Pietro Marcello su Lucio Dalla (nella sezione Berlinale Special) e “La veduta luminosa”, di Fabrizio Ferraro (nella sezione Forum). Entrambe le pellicole sono co-prodotte da Rai Cinema. Ben cinque le opere tedesche e tre quelle francesi. La lista completa dei film in concorso potete trovarla nel box in calce, mentre le specifiche dei film la si può consultare online sul sito della Berlinale.

La giuria Adina Pintilie © Manekino Film, Nadav Lapid © Guy Ferrandis, Mohammad Rasoulof © Cosmopol Film, Jasmila Zbanic © Edvin Kalic, Gianfranco Rosi © Mariangela Barbanente, Ildiko Enyedi © Hanna Csata

La giuria Adina Pintilie © Manekino Film, Nadav Lapid © Guy Ferrandis, Mohammad Rasoulof © Cosmopol Film, Jasmila Zbanic © Edvin Kalic, Gianfranco Rosi © Mariangela Barbanente, Ildiko Enyedi © Hanna Csata

La giuria, formata da sei registi, tutti già premiati con l’Orso d’oro, non avrà un presidente ed è così formata: Mohammad Rasoulof (Iran), Nadav Lapidr (Israele), Adina Pintilie (Romania), Ildikó Enyedi (Ungheria), Gianfranco Rosi, (Italia) e Jasmila Žbanić (Bosnia Erzegovina).

Pandemia o meno, speriamo che lo spettacolo cinematografico continui a fare sognare e divertire tutti noi.

 

.

 

Film in concorso

Albatros (Drift Away)
Francia
di Xavier Beauvois
con Jérémie Renier, Marie-Julie Maille, Victor Belmondo

Babardeală cu buclucsau porno balamuc (Bad Luck Banging or Loony Porn)
Romania / Lussemburgo / Croazia / Repubblica Ceca
di Radu Jude
con Katia Pascariu, Claudia Ieremia, Olimpia Mălai

Fabian oder Der Gang vor die Hunde (Fabian – Going to the Dogs)
Germania
di Dominik Graf
con Tom Schilling, Saskia Rosendahl, Albrecht Schuch

Ghasideyeh gave sefid (Ballad of a White Cow)
Iran / Francia
di Behtash Sanaeeha, Maryam Moghaddam
con Maryam Moghaddam, Alireza Sanifar

Guzen to sozo (Wheel of Fortune and Fantasy)
Giappone
di Ryusuke Hamaguchi
con Kotone Furukawa, Kiyohiko Shibukawa, Fusako Urabe

Herr Bachmann und seine Klasse (Mr Bachmann and His Class)
Germania
di Maria Speth
con Dieter Bachmann e i ragazzi della classe 6 B

Ich bin dein Mensch (I’m Your Man)
Germania
di Maria Schrader
con Maren Eggert, Dan Stevens, Sandra Hüller

Inteurodeoksyeon (Introduction)
Corea del Sud
di Hong Sangsoo
con Shin Seokho, Park Miso, Kim Minhee

Memory Box
Francia / Libano / Canada / Qatar
di Joana Hadjithomas, Khalil Joreige
con Rim Turki, Manal Issa, Paloma Vauthier

Nebenan (Next Door)
Germania
di Daniel Brühl
con Daniel Brühl, Peter Kurth

Petite Maman
Francia
di Céline Sciamma
con Joséphine Sanz, Gabrielle Sanz, Nina Meurisse

Ras vkhedavt, rodesac cas vukurebt? (What Do We See When We Look at the Sky?)
Germania / Georgia
di Alexandre Koberidze
con Ani Karseladze, Giorgi Bochorishvili, Vakhtang Fanchulidze

Rengeteg – mindenhol látlak (Forest – I See You Everywhere)
Ungheria
di Bence Fliegauf
con Laura Podlovics, István Lénárt, Lilla Kizlinger, Zsolt Végh, László Cziffer, Juli Jakab, Ági Gubík

Természetes fény (Natural Light)
Ungheria / Lettonia / Francia / Germania
di Dénes Nagy
con Ferenc Szabó, Tamás Garbacz, László Bajkó

Una Película de Policía  (A Cop Movie)
Messico
di Alonso Ruizpalacios
con Mónica Del Carmen, Raúl Briones

 

Gli altri film della Berlinale 2021

Berlinale Special
Best Sellers di Lina Roessler
Courage di Aliaksei Paluyan
French Exit di Azazel Jacobs
Je suis Karl di Christian Schwochow
Language Lessons di Natalie Morales
Limbo di Cheang Soi
The Mauritanian di Kevin Macdonald
Per Lucio For Lucio di Pietro Marcello
Tides di Tim Fehlbaum
Tina di Dan Lindsay, T. J. Martin
Wer wir waren Who We Were di Marc Bauder

Berlinale Series
Entre hombres Amongst Men di Pablo Fendrik
Ich und die Anderen Me and the Others di David Schalko
It’s a Sin di Peter Hoar
Os últimos dias de Gilda The Last Days of Gilda di Gustavo Pizzi
Philly D.A. di Ted Passon, Yoni Brook
Snöänglar Snow Angels di Anna Zackrisson

Encounters
As I Want di Samaher Alqadi
Azor di Andreas Fontana
The Beta Test Der Betatest di Jim Cummings, PJ McCabe
Blutsauger Bloodsuckers di Julian Radlmaier
Das Mädchen und die Spinne The Girl and the Spider di Ramon Zürcher, Silvan Zürcher
Hygiène sociale Social Hygiene | Sozialhygiene di Denis Côté
Mantagheye payani District Terminal di Bardia Yadegari, Ehsan Mirhosseini
Moon, 66 Questions di Jacqueline Lentzou
Nous We di Alice Diop
Rock Bottom Riser di Fern Silva
The Scary of Sixty-First di Dasha Nekrasova
Vị Taste di Lê Bảo

Berlinale Shorts
Al motociclista no le cabe la felicidad en el traje Motorcyclist’s Happiness Won’t Fit Into His Suit di  Gabriel Herrera
Les Attendants The Men Who Wait di  Truong Minh Quý
Blastogenese X Blastogenesis X di  Conrad Veit, Charlotte Maria Kätzl
Deine Strasse Your Street di Güzin Kar
Easter Eggs di Nicolas Keppens
Das Glitzern im Barbieblut Glittering Barbieblood di Ulu Braun
International Dawn Chorus Day di John Greyson
A Love Song in Spanish di Ana Elena Tejera
Luz de Presença A Present Light di  Diogo Costa Amarante
More Happiness di Livia Huang
Nanu Tudor My Uncle Tudor di Olga Lucovnicova
One Hundred Steps di Bárbara Wagner, Benjamin de Burca
One Thousand and One Attempts to Be an Ocean di Wang Yuyan
Rehearsal di Michael Omonua
Si t’as un coeur Young Hearts di Émilie Vandenameele
Strange Object di Miranda Pennell
Vadim na progulke Vadim on a Walk di Sasha Svirsky
Ventana Window di Edgar Jorge Baralt
Xia Wu Guo Qu Le Yi Ban Day Is Done di Zhang Dalei
Zonder Meer di Meltse Van Coillie

Panorama
Censor di Prano Bailey-Bond
Death of a Virgin, and the Sin of Not Living di George Peter Barbari
Dirty Feathers di Carlos Alfonso Corral
Genderation di Monika Treut
Glück Bliss di Henrika Kull
Kelti Celts di Milica Tomović
Der menschliche Faktor Human Factors di Ronny Trocker
Miguel’s War di Eliane Raheb
Mishehu Yohav Mishehu All Eyes Off Me di Hadas Ben Aroya
Le monde après nous The World After Us di Louda Ben Salah-Cazanas
Night Raiders di Danis Goulet
North By Current di Angelo Madsen Minax
Okul Tıraşı Brother’s Keeper di Ferit Karahan
Souad di Ayten Amin
Ted K di Tony Stone
Théo et les métamorphoses Theo and the Metamorphosis di Damien Odoul
A Última Floresta The Last Forest di Luiz Bolognesi
Die Welt wird eine andere sein Copilot di Anne Zohra Berrached
Yuko No Tenbin A Balance di Yujiro Harumoto

Forum
À pas aveugles From Where They Stood di Christophe Cognet
Anmaßung Anamnesis di Chris Wright, Stefan Kolbe
Doch rybaka Tzarevna Scaling di Uldus Bakhtiozina
Esquí Ski di Manque La Banca
The First 54 Years – An Abbreviated Manual for Military Occupation di Avi Mograbi
Garderie nocturne Night Nursery di Moumouni Sanou
The Inheritance di Ephraim Asili
Jai jumlong Come Here di Anocha Suwichakornpong
Juste un mouvement Just A Movement di Vincent Meessen
Mbah Jhiwo Mbah Jhiwo / Ancient Soul di Alvaro Gurrea
No táxi do Jack Jack’s Ride di Susana Nobre
Qué será del verano What Will Summer Bring di Ignacio Ceroi
A River Runs, Turns, Erases, Replaces di Shengze Zhu
Sichuan hao nuren The Good Woman of Sichuan di Sabrina Zhao
Ste. Anne di Rhayne Vermette
Taming the Garden di Salomé Jashi
La veduta luminosa The Luminous View di Fabrizio Ferraro

mm
Nato a Roma, laureato in Filosofia all'Università "la Sapienza", è giornalista professionista. Ha collaborato con ilSole24Ore, con le agenzie stampa Orao News e Nova, e in Germania con il magazine online ilMitte.

    Da quanti mq sei un privilegiato?

    Articolo precedente

    “Io sono il tuo uomo”. Il futuro è dietro l’angolo

    Articolo successivo

    Ti potrebbe piacere anche

    Commenti

    Lascia una risposta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *