© Miriam Netti
© Miriam Netti

© Miriam Netti

Miriam Netti, nata e cresciuta in Puglia nella cittadina di Putignano (Ba), vive ormai da diversi anni a Berlino. Ha ottenuto la sua prima lezione di pianoforte a 6 anni e si diploma al conservatorio di Monopoli. Partecipa a 2 concorsi nazionali per giovani pianisti classici presso il concorso “Premio Civera”. Fonda la sua prima blues band a 20 anni. Contemporaneamente scopre il jazz e prende lezioni di piano jazz da Mario Rosini. Da quel momento in poi la sua musica sarà legata al genere brasiliano, così come a quella dei grandi compositori italiani come Ennio Morricone, Luigi Tenco e Piero Piccioni. Ha all’attivo un bagaglio di 2 album da band leader, “Miriam Netti” 2007 e “La BOSSA” 2016, e 1 da guest vocalist in “The Art of Jazz” in uscita il prossimo sei agosto.

 

La copertina del suo album “The Art of Jazz” l’ha disegnata lei, è la prima volta che le capita di farlo?
Sì. Ma è un disegno che ho fatto precedentemente, e non aveva nessuna pretesa di diventare una copertina musicale.

"The Art of Jazz" © Miriam Netti

“The Art of Jazz” © Miriam Netti

Racconta che questo album nasce casualmente in un giorno, in un contesto dove lei era stata chiamata per cantare solo due brani per un produttore danese. Ci racconta come è andata?
Lo scorso inverno Anders Mogensen, batterista danese, mi ha invitato a prendere parte del suo nuovo disco. Inizialmente si parlava di un paio di brani, standard del jazz, all’interno di una sessione di registrazione di pezzi strumentali da farsi tutti nell’arco di un giorno, in studio. Cominciammo proprio con quelli vocali, registrando massimo due tracce per pezzo. Finimmo il lavoro in poco tempo, a quel punto Anders e la band mi chiesero se mi andava l’idea di buttare giù una “set list” di altri brani. Io ero molto contenta di poter prolungare quello stato di ebbrezza in cui mi trovavo, grazie al fatto di poter suonare con musicisti di quel livello, e così registrammo altri 7 pezzi a cavallo tra quelli strumentali. Le registrazioni vocali erano diventate 9 e praticamente un album tutto vocale era completato. A fine registrazione, e prima di salutarsi, Anders mi chiese di pensare ad un titolo per l’album e se mi piacesse l’idea di usare uno dei miei disegni per la copertina. Mi sembrò un’ottima soluzione, che soprattutto mi aiutava a trovare il nesso tra la cover e il titolo dell’album: “The Art of Jazz”. Così ho voluto un po’ giocare con la parola “Art” con cui di solito si indica l’arte figurativa che ispira la cover e l’arte “musicale” di “fare” il jazz.

Ha iniziato con le sue prime lezioni a sei anni, come si è avvicinata alla musica? È stata una sua scelta o magari già c’era qualche artista in casa?
Ho cominciato a suonare il pianoforte all’età di sei anni, e in famiglia non c’era nessun musicista professionista o artista che mi ha spinto a farlo. È stata una mia scelta.

La band © Miriam Netti

A vent’anni ha la sua prima blues band, ma allo stesso tempo scopre il jazz. Cos’è che l’ha spinta verso questo genere musicale? Come è considerato il jazz in Germania, un genere di nicchia come in Italia o ha un pubblico più vasto?
Se passi, come me, da una formazione strumentale classica, di matrice europea, al blues, il salto verso il jazz è direi scontato. Certamente ho subito il fascino delle sue armonie, oltre che ai ritmi “sincopati” o “spezzati” se mi posso permettere di usare una parola facile per descriverlo. Il jazz è senz’altro considerato un genere di nicchia anche in Germania, ma da parte delle istituzioni, gli enti statali e non, che si occupano di divulgare la cultura e l’arte, viene promosso e divulgato senz’altro molto. Così anche un genere musicale di nicchia come il jazz con i suoi nuovi artisti e/o progetti sperimentali possono richiamare l‘attenzione di molti e raggiungere un pubblico più vasto.

Non ama parlare della sua vita privata, ma vorrei chiederle come mai ha deciso di trasferirti a Berlino. È stata una sua scelta di vita o magari un lavoro nuovo o qualcos’altro?
Andare a vivere a Berlino è stata una scelta di vita, prima che di lavoro, unita alla voglia giovanile di evadere e alla curiosità di conoscere.

© Miriam Netti

Ad agosto esce il suo ultimo album, “The Art of Jazz”, che se non sbaglio è il terzo, ci parli di come è nato, quanto tempo hai impiegato per prepararlo e soprattutto come lo presenterebbe ai tuoi fan.
“The Art of Jazz” è il mio primo album di solo Standard del jazz, ed essendo stato registrato in circa 3 ore è anche il mio primo album da “recording artist”. L’album è in uscita il prossimo 6 agosto, ma si possono già ascoltare i primi tre singoli su tutte le piattaforme e gli shop digitali.

Domanda finale, i suoi progetti attuali immagino siano la presentazione del tuo nuovo album. Quali sono quelli futuri? E un sogno che vorrebbe che si realizzasse?
A settembre inciderò il mio quarto disco: sarà un “La Bossa” vol. II. Il mio sogno nel cassetto, è senz’altro quello di incidere un disco con Jim Beard e la Metropolitan Orchestra diretta da Vince Mendoza.

Qui si può ascoltare l’ultimo brano di Miriam

jav xxx
tube

Perché ricordare György Lukács

Articolo precedente

Il “Faust” di Goethe alla Fenice di Venezia

Articolo successivo

Ti potrebbe piacere anche

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *