Alex Uhlmann © John Cruel
Alex Uhlmann © John Cruel
Alex Uhlmann © John Cruel

Alex Uhlmann © John Cruel

Dischi d’oro e di platino in Italia, premi musicali nel Regno Unito e importanti riconoscimenti per la sua pizzeria a Berlino. Occasionalmente deejay per il Milan, è attualmente il direttore musicale di “The Voice”. Dopo aver vissuto a Londra, Parigi, Bologna, Berlino e Milano, può affermare con sicurezza di aver visto e vissuto parecchio. “Mi sento europeo al cento per cento”, ama dire Alex Uhlmann. Con l’album di debutto, “Tourist In Your Own Town” del suo gruppo indie rock londinese “Friday Night Hero”, ha vinto un Indie Music Award per “Best UK Live Act”. Mentre “The Great Shake” dei “Planet Funk” è stato certificato disco d’oro. Nel corso di tre anni, Alex ha suonato in oltre 200 concerti dal vivo in tutta Europa con i “Planet Funk”, tra cui quello al Gran Premio di Formula 1 Premio a Monza, allo Stadio Olimpico di Roma e un tour da protagonista in Russia. Dopo diversi progetti e collaborazioni, Alex Uhlmann si è ulteriormente affermato come cantautore, cantante, produttore e DJ, e ora anche come artista solista.

 

Da bambino giocava a tennis ed è arrivato fino alla nazionale, la musica l’ha scoperta dopo o l’ha praticava insieme allo sport? Ad un certo punto della sua vita ha scelto la musica, come mai?
Ho iniziato a suonare il piano a 7 anni. Alla stessa età ho iniziato il tennis. A 15 anni ho iniziato a cantare nella prima band e non mi andava più di andare a letto presto perché il giorno dopo avevo il torneo di tennis. A 17 anni ho scelto la musica. Ho realizzato che per vivere bene di tennis dovevo rientrare nei primi 20 tennisti al mondo. I sacrifici erano tanti e ho pensato che forse non ce l’avrei mai fatta. Anche con la musica sarebbe stato difficile, ma forse i sacrifici sarebbero stati meno dolorosi…

A 18 anni è partito dal Lussemburgo, dove lei è nato, per andare in Inghilterra. Durante la fase inglese, ha suonato con varie band: “Friday Night Hero” e poi i “Planet Funk”; dopodiché è arrivato in Italia. Ci racconta un po’ di questo periodo?
Ho pensato che se volevo combinare qualcosa con la musica dovevo andare dove si faceva quella che piaceva a me: a Londra. Ci sono andato per fare gavetta e l’ho fatta per anni. Ho suonato ovunque in UK, tanti tour non da headliner, ma aprendo i concerti. Nel mio gruppo cerano i miei migliori amici. Ci siamo trasferiti tutti insieme. A poco a poco però sono tornati tutti in Lussemburgo e così ho formato i ‘Friday Night Hero’ con 4 ragazzi di Brighton. Quei tempi sono stati i più belli, prima del primo contratto discografico. Questo mi ha sempre fatto pensare a John Lennon che diceva “La vita è ciò che ti accade mentre sei intento a fare altri piani”. Alla fine ci siamo spostati a Berlino perché suonavamo tantissimo in Germania, dopodiché sono arrivato in Italia per i “Planet Funk”.

Alex Uhlmann © John Cruel

Alex Uhlmann © John Cruel

Per quelli che ancora non lo sanno, qual è il suo ruolo nel talent “The Voice”, e cos’è che l’ha convinta ad accettare questo incarico?
Sono direttore musicale. Dicevo prima che da giovane sono andato in Inghilterra per fare la gavetta e suonare il più possibile dal vivo. Lasciando stare la pandemia che ha solo aggravato la situazione, i giovani oggi dove suonano? Non ci sono molti locali che danno loro questa opportunità. E mi sembra che ci sia sempre meno pubblico curioso a tal punto da andare in un locale per scoprire un gruppo sconosciuto. Oggi il talent dà l’opportunità a un giovane di esibirsi. Aiuta a bruciare un po’ di tappe e a farsi conoscere al grande pubblico. Sarebbe meglio crescere piano piano, nei locali, ma questo oggi è più difficile, se non impossibile. A me piace scoprire talenti e meno male ce ne sono tanti anche qui in Italia.

Ha dichiarato più volte che se deve pensare a un DJ pensa a David Morales, che considera uno dei più bravi. Con lui ha pubblicato un pezzo, con la label storica di house music di NY “Nervous Records”, che si chiama “one race”. Ci racconta di questa esperienza?
Si e non solo. Ho cantato anche ‘Back Home’, il primo singolo di David per la sua etichetta “Diridim” e il secondo pezzo frutto della nostra collaborazione della quale sono molto orgoglioso. Da giovane in Inghilterra mi ricordo le serate in cui suonava lui. Mi rendevo conto che era speciale, le sue serate erano e sono un viaggio incredibile e lui trasmette la grande passione che mette in ogni cosa che fa. Poi è una persona splendida. Ho avuto la fortuna di andare anche in tour con lui. Quello che ha fatto David per la house music è comparabile a quello che Michael Jackson ha fatto per il pop. Un vero pioniere.

Alex Uhlmann © John Cruel

Alex Uhlmann © John Cruel

Da poco è uscito il suo primo singolo dove canta da solo: “Paris or Rome”, mentre a maggio uscirà l’album. Come è maturata la decisione di iniziare questa nuova avventura da solista?
Essendo nato in Lussemburgo da genitori tedeschi non ho delle radici ben definite. Inconsciamente ho sempre cercato di trovare un posto in cui vivere che mi faccia sentire a casa. Così ho cambiato città quasi ogni due anni fino a oggi. Quando ho scritto “Paris or Rome” stavo letteralmente pensando alla tappa successiva della mia vita. Invece poi sono finito tra Milano e Berlino. Ho realizzato oggi che non conta dove vivo o di dove sono, ma conta quello che faccio ogni giorno per essere felice. Ed è la musica.

A Berlino ha una pizzeria che si chiama “Futura”, segnalata dal “Gambero Rosso” e quindi molto titolata. Come mai questa scelta, in un settore totalmente diverso da quello della musica. A proposito, l’ho segnalata agli amici della redazione de “il Deutsch-Italia”, il Magazine dove uscirà questa intervista, che ha sede proprio a Berlino.
Grazie mille, mi fa molto piacere. Io amo la pizza e ho un forte legame con Napoli. In Alessandro Leonardi, mio socio in affari, cognato e pizzaiolo straordinario, ho trovato la persona perfetta per aprire una pizzeria. Poi essendo metà tedesco mi fa piacere che sia a Berlino.

In questo anno di pandemia cosa ha fatto? Come si organizzava la vita?
Sono diventato padre e quindi ho passato del tempo con mia figlia, la cosa più bella di questa pandemia. E ho scritto tanta musica.

Domanda finale: progetti attuali, progetti futuri e un sogno nel cassetto.
Sto finendo il mio prossimo singolo “Never be the same”, che esce il 21 maggio. A settembre poi uscirà l’EP e spero di suonare un po’ in giro. Sogno nel cassetto? Vivere a New York.

Oktoberfest, tutti in Baviera! Anzi, no. A Dubai.

Articolo precedente

Il libro vaccinale di Mosé

Articolo successivo

Ti potrebbe piacere anche

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *