Bandiera italiana © il Deutsch-Italia
Bandiera italiana © il Deutsch-Italia

Con decreto del Presidente della Repubblica del 17 luglio 2020 è stata fissata al 20-21 settembre 2020 la data del referendum confermativo popolare, originariamente indetto per il 29 marzo e poi sospeso, sul testo di legge costituzionale recante “modifica degli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari”.

Tutte le informazioni finora disponibili sono pubblicate in tempo reale sulla sezione dedicata del sito internet dell’Ambasciata. Vi suggeriamo di consultare specificatamente la voce “Domande frequenti sul Referendum”. Eventuali ulteriori chiarimenti potranno essere chiesti a berlino.elettorale@esteri.it

Alcuni sono i punti di particolare importanza:

  • l’esercizio del voto è un diritto ma anche un dovere civico per ogni elettore (art.48, comma 2 della Costituzione);
  • il voto all’estero è per posta;
  • ogni elettore già iscritto all’AIRE (anagrafe degli italiani all’estero) come residente nella circoscrizione consolare di Berlino riceverà entro il 6 settembre prossimo, all’indirizzo postale che ci ha comunicato, una busta contenente tutto il materiale elettorale e le istruzioni per votare. È importante quindi verificare di averci comunicato l’indirizzo attuale e controllare che il Suo cognome -per le donne coniugate quello da nubile- figuri sulla cassetta della posta;
  • chi non avrà ricevuto la busta con il materiale elettorale entro il 6 settembre, potrà chiedere un duplicato, utilizzando il modulo che verrà a suo tempo pubblicato sul sito dell’Ambasciata;
  • la scheda votata dovrà pervenire alla Cancelleria consolare entro le ore 16:00 del 15 settembre 2020. Essa potrà essere spedita utilizzando la busta preaffrancata (con spesa a carico della Cancelleria consolare) o essere consegnata a mano durante gli orari di apertura degli uffici (in via eccezionale senza appuntamento e rispettando il contingentamento degli ingressi);
  • l’elettore ha l’obbligo di custodire in maniera sicura il materiale elettorale sino al momento dell’invio alla Cancelleria consolare di Berlino. La cessione a terzi del proprio materiale elettorale è espressamente vietata e punita penalmente.
  • la legge punisce l’elettore che vota sia per corrispondenza che nel seggio di ultima iscrizione in Italia, o che vota più volte per corrispondenza.

Robert Koch, quel “ragazzo velleitario” premiato con il Nobel

Articolo precedente

Heine, il colera a Parigi e il Coronavirus

Articolo successivo

Ti potrebbe piacere anche

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *