Amedeo Modigliani, Fillette en bleu, 1918, Collezione Jonas Netter
Amedeo Modigliani, Fillette en bleu, 1918, Collezione Jonas Netter

Giovedì prossimo, 23 gennaio alle ore 18:30, in occasione delle celebrazioni per il centenario della scomparsa di Amedeo Modigliani, si terrà la conferenza del prof. Francesco Poli dal titolo:

“Amedeo Modigliani 1920 – 2020”

Quando conoscerò la tua anima, dipingerò i tuoi occhi. (Amedeo Modigliani)

Amedeo Modigliani (Livorno 1884 – Parigi 1920). Di fondamentale importanza per la sua arte fu la permanenza a Parigi a partire dal 1906, dove entrò in contatto con i gruppi d’avanguardia e fu inizialmente influenzato da Picasso, Toulouse-Lautrec e Cézanne. Alcuni anni dopo conobbe Brâncuşi, che influenzò la sua scultura e lo indirizzò verso l’arte arcaica. Dal 1913, lasciata la scultura, si dedicò esclusivamente alla pittura.

Tema fondamentale è l’esplorazione della figura umana, rappresentata attraverso la perfetta unità dei ritmi lineari e coloristici. Molto interessanti, per la purissima ritmica del segno, sono i suoi numerosi disegni.

La vita dell’artista fu molto tormentata, soltanto dopo la morte le sue opere furono molto ricercate dai collezionisti e da gallerie pubbliche in Europa e in America.

 

Ingresso libero, registrazione obbligatoria presso www.iicmonaco.esteri.it

Organizzatore: Istituto Italiano di Cultura Monaco di Baviera
In collaborazione con: Forum Italia e.V.

Quando: giovedì 23 gennaio, ore 18:30

 

 Per ulteriori informazioni:

Istituto Italiano di Cultura – Maria Cristina Salati
Hermann-Schmid-Str. 8
D-80336 München
Tel.: 089/74 63 21-28 (9 –14 h)
Fax: 089/74 63 21-30
culturale.iicmonaco@esteri.it
www.iicmonaco.esteri.it

Amedeo Modigliani – Artista dell’anima

© Youtube Ermanno Braghiroli

Progetto sul carbone

Articolo precedente

Ti potrebbe piacere anche

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *