La catena di Sant’Antonio inizia così: uno skipper dall’abbronzatura perenne propone ad altri lupi di mare di pavtive con le nostve bavche pev andave a pvendere i poveri migvanti pvigionievi in mezzo al mave.

Punto sull’onore Giggino de Magistris, sindaco de Napule, infila ‘ncoppa capa a mo’ di condom la bandana da pescivendolo di Masaniello, si strappa o’ core dal petto e per non essere da meno rilancia: simme pronti a partìr con 10, 100, 1000 barche ppe salvar chisti poveri migrant ca’ song sfuggit ra uerra e famm’. Li portiam tutti qui comm e’ pesci e’ belli migrant! Abbàss o’ malgovern fascista e e’ sue leggi infami! Ue’ oh’!

Il paracarro residuato DC Leoluca Orlando Cascio da Palermo intanto, esempio eccelso di organismo politico pluricellulare in grado di adattarsi come Zelig a tutti i climi e sopravvivere a tutte le stagioni politiche, bomba o non bomba, invita ai nuovi Vespri siciliani contro il governo nazifascista che con il decreto sicurezza sta istituendo i campi di sterminio per gli africani.

E todos los alcaldes revolucionarios de sinistra, insieme a preti di mezza età attorniati dai loro amorini colorati che sostituiscono i visi pallidi ormai sempre più rari, intonano in coro: “Prima vennero a prendere i migranti, poi vennero a prendere gli zingari, poi vennero a prendere gli omossessuali, poi vennero a prendere ecc…”.

In mezzo a tutti questi polli senza testa che corrono in tondo scagaggiando scemenze, giganteggia la frase del mitico Marco Rizzo, emerso dal suo ibernamento spontaneo che durava ormai dalla fine del PCI, nel lontano 1991:

“Questa vicenda dei porti, dei sindaci e di Salvini è paradigmatica del perché la sinistra sia scomparsa o stia scomparendo in questo Paese. Ma avete visto qualche sindaco di pseudosinistra rompere il patto di stabilità e i vincoli del pareggio di bilancio voluti dalla Ue o, ad esempio, aumentare il numero dei dipendenti comunali in modo da risolvere problemi concreti di lavoro e di utenza nel proprio comune? No. Avete mai visto questi sindaci di pseudo-sinistra fare una battaglia durissima per le case, perché mancano le case, specie nelle grandi città? Avete mai visto questi sindaci fare delle battaglie contro i grandi gruppi immobiliari che hanno decine di migliaia di alloggi sfitti, che consentono l’oscillazione del mercato degli affitti e delle case? No. Questi sarebbero stati veri sindaci di sinistra, che, secondo le loro prerogative, avrebbero potuto fare delle scelte politiche ammissibili anche dal punto di vista della legge e non fare solo della fuffa. Questa è fuffa politica, propaganda”.

Signori silence please, parla Rizzo.

.

© Youtube Partito Comunista

Print Friendly, PDF & Email