Nel dubbio mena, diceva un tale certamente poco cordiale. Per la Cdu invece si direbbe nel dubbio immer Mutti Merkel. Perché cos’altro è Annegret Kramp-Karrenbauer (Annagreta graffetta-costruttrice di carriole) se non un prolungamento in scala ridotta di Mutti?

Certo ad AKK, nonostante le iniziali da modello di Kalašnikov, manca l’istinto passivo-aggressivo di Angela Merkel, la quale dal canto suo più che una persona è un organismo inerte che diventa spietatamente vitale appena fiuta il potere. Kramp-Karrenbauer al confronto è una scolaretta. La classica Cdu-ina rigida, noiosa e pedante che cucina le solite pere stracotte sul coraggio di essere di centro e bla bla bla. Perfino il citrullo Spahn era più interessante con quel suo sguardo da civetta tonta. Merz invece, ovvero: una vita da lobbista spesa a portare acqua con le orecchie alle multinazionali e ai grandi comitati d’affari, se non altro aveva il dono della sincerità. Basta con questa menata della democrazia rappresentativa; gettare la maschera e mostrare il vero volto del mondo libero: affari, grande finanza, tutela assoluta degli interessi di chi sta sopra, revisione delle leggi in funzione dei desiderata delle grandi imprese, import di manodopera esotica a salario zero e chi si oppone è un fascista e un razzista.

Sbaglierò ma questi alle europee prendono una legnata di quelle che non si dimenticano.

Il nuovo inizio Neuanfang

Articolo precedente

Il Natale incantato nei parchi più belli d’Italia

Articolo successivo

Ti potrebbe piacere anche

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *