Crotone spiaggia © Nicoletta De Rossi
Crotone spiaggia © Nicoletta De Rossi
Crotone spiaggia © Nicoletta De Rossi

Crotone spiaggia © Nicoletta De Rossi

Passeggiando sul bel Lungomare di Crotone incorniciato da alte palme si respira aria di vacanza. Gli ombrelloni colorati, ben allineati sulla sabbia pulita, invogliano a godersi la spiaggia. Sul molo che si protende verso il mare aperto si cammina e si circola in bicicletta. Una specie di “rotonda sul mare”, un locale sopra la spiaggia, catalizza gli sguardi ed evoca canzoni di anni passati. L’ambulante improvvisato che sul cofano della macchina vende fichi su piattini di plastica, così come chi offre i tipici peperoncini lungo la strada statale sanno invece di sud. Pare avere il sapore di lungaggini burocratiche invece la chiusura dell’imponente castello-fortezza Carlo V che troneggia sulla città di Pitagora.

La città di Pitagora e il suo mare

Crotone Capocolonna © Nicoletta De Rossi

Crotone Capo Colonna © Nicoletta De Rossi

Pitagora, il grande filosofo e matematico della Magna Grecia, intorno al 530 a. C. scelse proprio Crotone come luogo per fondare la sua scuola, racconta Francesco, guida dell’Associazione CTG Kroton davanti al Museo Archeologico Nazionale della città. Francesco accompagna i turisti a scoprire le bellezze mozzafiato di questa costa come per esempio l’affascinante Capo Colonna con l’unica colonna dorica del tempio di Hera Lacinia edificato nel VII sec. a.C. sopravvissuta ai millenni. Lungo il litorale ionico intorno a Crotone si alternano spiagge di sabbia fine dorata, spiagge di scogli e spiagge di sabbia rossa. Denominatore comune qui è il mare Ionio con il suo blu turchino che lascia a bocca aperta – meno invece la silhouette della piattaforma per attività estrattive di gas metano che si scorge in lontananza in alto mare, ma che non

Crotone Capo Bianco © Nicoletta De Rossi

Crotone Capo Bianco © Nicoletta De Rossi

desterebbe problemi per la vicina Area Marina Protetta di Capo Rizzuto. Soprattutto a tavola si manifesta lo spirito cordiale di questa terra che da tempi antichi onora l’ospite: che si sia invitati a casa, si pasteggi in un locale raffinato o in una semplice trattoria, vi verranno servite tantissime portate di squisiti piatti di mare e deliziose specialità locali. D’estate il Lungomare si popola dopo cena, quando turisti e locali si incontrano per la consueta passeggiata serale. C’è chi passeggia, chi si ferma ad ascoltare musica dal vivo, chi fa la coda per gustarsi un gelato o una granita. E c’è chi si porta da casa la sedia per godersi al meglio la brezza notturna e lo spettacolo della luna specchiarsi nel mare.

Gli “Amici del Tedesco”

Crotone Castello Carlo V © Nicoletta De Rossi

Crotone Castello Carlo V © Nicoletta De Rossi

Se ci si ferma a parlare con i Crotonesi si scopre che moltissimi qui hanno almeno un parente o un amico che lavora o ha lavorato in Germania. E forse non è proprio un caso che l’unico collegamento internazionale del piccolo aeroporto di Crotone sia proprio con la Germania, con Norimberga, due volte la settimana da aprile a ottobre.

Di Crotone e dei rapporti con la

Crotone Santa Chiara © Nicoletta De Rossi

Crotone Santa Chiara © Nicoletta De Rossi

Germania parla Loris Rossetto, iniziatore dell’associazione “Amici del Tedesco” che ha tra i vari partner anche il comune tedesco di Hamm. L’associazione si ripromette di creare opportunità di lavoro in loco coniugando le bellezze del luogo, che sono sotto gli occhi di tutti, e la cordialità innata di questi posti con l’efficienza e l’organizzazione del mondo tedesco, poiché Rossetto ha origini calabresi e svizzere. «L’associazione si occupa della divulgazione della lingua tedesca che diventa opportunità e strumento di sviluppo con il sogno di migliorare le condizioni della nostra regione», sottolinea Rossetto. Tramite l’associazione vengono gestiti anche due ostelli, uno realizzato in un bene confiscato alla mafia, a San Leonardo di Cutro e un altro, donato da un nobile locale per scopi sociali, nel borgo antico di Crotone vicino alla chiesa di Santa Chiara.

mm
giornalista professionista vive e opera in Germania dal 2000, dove è responsabile della redazione della rivista di turismo online “www.sonoitalia.de” in lingua tedesca. Nel 2018 sono uscite le sue due ultime guide turistiche, in tedesco, per la casa editrice ADAC, dedicate alla Sicilia e a Venezia. Ama viaggiare e leggere.

    Christa Wolf: diario di un’anima

    Articolo precedente

    Lo Spirito del mondo nella vasca da bagno

    Articolo successivo

    Ti potrebbe piacere anche

    Commenti

    Lascia una risposta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *