mare © il Deutsch-Italia
mare © il Deutsch-Italia

I tedeschi sono partiti per le Sommerferien, le tanto desiderate vacanze estive che coincidono con il periodo di chiusura delle scuole in Germania. Ma dove andranno quest’anno? Secondo un’analisi effettuata dalla “Stiftung für Zukunftsfragen” ben un cittadino della Repubblica federale su cinque ha deciso di rimanere in Patria. Per la precisione 21 si sono diretti, o stanno per farlo, all’interno dei confini nazionali, mentre 33 su 100 connazionali della Cancelliera Merkel hanno deciso di fare un viaggio in Europa. La meta più gettonata sembra rimanere la Spagna (6 su 33), seguita a pari merito da Italia e Grecia (4 su 33), dalla Turchia (3 su 33) e infine da Austria, Scandinavia, Croazia e Francia (2 su 33). Ad andare più lontano, al di fuori del Vecchio continente, saranno 11 tedeschi su 100, mentre in 34 non avevano ancora deciso al momento dell’intervista.

Unici nei che preoccupano il mercato vacanziero sono la Brexit e la disputa commerciale con gli Stati Uniti, oltre alla sempre presente preoccupazione per il terrorismo e per la recessione economica. Come che sia è stata unanime la risposta degli intervistati circa cosa si aspettino dalla vacanza prescelta: natura il più possibile incontaminata e bei paesaggi. Mentre infatti nel 1998 erano solo 35 tedeschi su 100 a desiderare puro svago, sole, buona cucina e grandi passeggiate, quest’anno sono 43 ad aver espresso tale desiderio. La tipologia della vacanza è importante soprattutto per una fascia d’età che va dai 25 anni ai 49 (il 53 per cento del totale). Dopo tale età sembrerebbero altri i valori che rendono felici i vacanzieri della Repubblica federale, come la tipologia dei compagni di viaggio: non è più tanto importante la meta, quanto con chi la si raggiunge.

Per i voli a lungo raggio vengono predilette le compagnie low cost: particolarmente gettonate sembrano essere le Filippine (+40 per cento) e la Namibia (+43 per cento), ma anche Paesi come il Marocco o la Tunisia. Il calo del valore della Lira turca ha dimostrato di essere una grande attrazione per i viaggiatori, in quanto le vacanze in Turchia offrono ancora un ottimo rapporto qualità-prezzo. Mentre tra i Paesi nordici, sembra che attireranno molti viaggiatori Kittila in Finlandia e Bergen in Norvegia. Anche le crociere sembrano richiamare il popolo vacanziero tedesco, complici i bassi prezzi e la vasta scelta di mete turistiche di questi ultimi tempi.

In Germania la meta di mare rimane la più gettonata: le coste sul Mare del Nord e sul Mar Baltico hanno tradizionalmente un forte richiamo turistico. Il Meclemburgo-Pomerania Anteriore, la Bassa Sassonia e lo Schleswig-Holstein sono presi d’assalto e vengono popolati anche per un turismo da fine settimana. Ma ai tour operator sono richieste anche le gite in città, soprattutto a Berlino, Amburgo, Colonia e Monaco, sia per lo shopping, per le mostre o i concerti. Fra le città nel mondo quella che risulta nei desideri della maggior parte dei vacanzieri tedeschi è New York (il 15,2 per cento degli intervistati), seguono Parigi (7,4 per cento) e Roma (con il 5 per cento).

Circa l’87 per cento ha prenotato direttamente sul sito dell’albergo o del resort di destinazione, ma anche piattaforme come AirBnB e 9 Flats stanno diventando sempre più popolari. Un’ultima notazione: a quanto pare la maggioranza dei vacanzieri tedeschi preferisce pagare in contante quando si reca all’estero. Ben il 56,1 per cento, come riporta la “Welt am Sonntag”. Circa il 37 per cento si porta da casa tutti i soldi necessari per finire l’intera vacanza. Il motivo? Semplice: temono di essere truffati mentre prelevano denaro o fanno spese con una carta di credito.

Una vita per la danza: semplicemente Pina

Articolo successivo

Ti potrebbe piacere anche

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *