Drowing Europa together © Moritz Verlag
Drowing Europa together © Moritz Verlag
Brexit

Brexit

È proprio di questi giorni il dibattito in corso nel Regno Unito sul futuro dell’uscita di quel Paese dall’Unione Europea. Un’hard Brexit, come abbiamo già avuto modo di sottolineare in un nostro recente articolo, potrebbe avere effetti imprevedibili tanto per il Paese di sua Maestà Elisabetta, quanto per i componenti dell’Unione. Ma come viene vissuta da parte dell’opinione pubblica tedesca la decisione inglese di abbandonare il progetto europeo? Come ci si può informare al riguardo? Certamente in libreria.

Ci ha pertanto incuriosito un un libricino per bambini, venduto nel reparto “libri per stranieri” di una famosissima libreria della Capitale tedesca, che tenta di spiegare ai cittadini di domani la Brexit attraverso dei disegni. Ve ne sono di diversi e non è ovviamente possibile descriverli tutti; cercheremo di riportare solo quelli a nostro modesto parere più significativi. In uno di questi è visibile un topino dentro una teca di vetro che sembra triste poiché dispone solo di un biscotto appena sgranocchiato con sopra un minuscolo cetriolo, sul quale è stata piantata la bandierina britannica. Appena fuori dalla teca invece è presente un grande vassoio di legno con sopra formaggi di qualunque tipo e forma e soprattutto di una certa grandezza: si nota l’inconfondibile gouda olandese dal caratteristico colore arancione, perfino il nostro pecorino sardo sembra fare capolino, senza contare i numerosi e squisiti formaggi francesi che fanno già venire l’acquolina in bocca. Il messaggio insito è chiaro: con la decisione di abbandonare il mirabile sogno europeo, i topi inglesi si sono dati la zappa sui piedi, andando incontro ad una povertà senza prospettiva e vie d’uscita (la teca di vetro, appunto), mentre noi europei ed europeisti vivremo nell’abbondanza.  Stava per essere scordato un dettaglio importante: in cima ai ricchi e succulenti formaggi esterni alla teca britannica è piantata a sua volta la bandierina dell’Unione Europea. Il titolo della vignetta è: “Britain takes the Biscuit”.

Axel Schaffler © Moritz Verlag

Axel Schaffler © Moritz Verlag

Un altro disegno, dedicato ai bambini che già in tenera età devono comprendere quanto stupidi siano stati i loro omologhi dall’altra parte della Manica a scappare, raffigura la Mutti Europea in forma di una bellissima ragazza dai capelli blu che stringe sorridente sotto di sé i diversi bambini che compongono la nostra grande famiglia europeista, che ci ha dato 70 anni di pace e prosperità senza confini. Ogni bambino e bambina indossa una maglietta con i colori della propria nazione. Guarda caso gli unici due bambini già cresciuti, ergo più alti rispetto agli altri, che invece con tutta probabilità si faranno ancora la pipì a letto, sono quelli con la bandiera tedesca ed austriaca come maglietta, quasi a denotare la maturità e razionalità insite nei popoli di lingua e cultura tedesca rispetto all’emotività latina. Il Sorgenkind italiano è praticamente ancora in fasce, tanto che cammina carponi, per dirne una. Gli altri bambini sono comunque tutti felici di venire accuditi dalla “mamma europea” che sorridente li controlla; l’unico bambino triste ed isolato che guarda da lontano e con invidia gli altri è quello con la t-shirt raffigurante l’Union Jack britannica. Titolo del disegno è “Lady Europe and Children”.

Ein Zeichen für Europa setzen © www.bundesregierung.de

Ein Zeichen für Europa setzen © www.bundesregierung.de

Vi ne sono molte altre: ad esempio quella in cui due topi britannici rubano un’immensa torta durante un festoso pic-nic all’insaputa degli altri animaletti europeisti, che fino a quel momento stavano mangiando e bevendo in un clima di concordia reciproca, che tutti noi cittadini abbiamo già sperimentato molto bene, in special modo durante le numerose crisi che si sono verificate negli ultimi anni in Europa. In un’altra dei bambini scrivono tramite colori variopinti su un muro i nomi dei loro Paesi con cuori, soli e libri aperti di circostanza, mentre sulla destra diviso da un albero senza foglie un grigio e povero child inglese scrive in maniera grossolana United Kingdom sul muro. Oppure un’altra nella quale sempre bambini e bambine dai diversi colori della pelle giocano allegri assieme, mentre il cattivo bambino inglese dai capelli biondi è l’unico a distruggere il suo giocattolo (un piccolo bus rosso a due piani, simbolo di Londra). Chiunque sia interessato, potrà trovare il simpatico libricino di propaganda politica made in Germany da inculcare ai bambini europei, cercandolo sotto il titolo Drawing Europe Together.

Perché è stato detto che questo piccolo libro di illustrazioni, 45 per la precisione, di autori provenienti da diversi Paesi europei è comunque made in Germany? Beh innanzitutto perché il curatore è Axel Scheffler, un illustratore tedesco nato ad Amburgo, ma che dal 1986 vive e lavora a Londra. In secondo luogo dal momento che Scheffler stesso nella sua prefazione ci svela come il libro europeista per bambini sia stato pubblicato da una casa editrice tedesca, la Markus Weber at Moritz Verlag, e vista la sua importanza ideologica sia stato presentato perfino alla prestigiosa Fiera del Libro di Francoforte dell’anno scorso. Dopo l’esposizione alla Messe di Frankfurt, il libello è stato anche proposto all’attenzione del Governo federale tedesco a Berlino, sotto l’attenta supervisione di Katarina Barley, che all’epoca era il ministro socialdemocratico (SPD) per la Famiglia, gli Anziani, le Donne e la Gioventù nel terzo Governo Merkel.

Forse un’iniziativa di questo tipo, atta a (ri)educare la gioventù contro i rischi di una secessione egoistica e cattiva da parte dei bambini/topi inglesi, parrebbe far capire come i nervi tedeschi circa una possibile hard Brexit, tale da compromettere gli intensi rapporti commerciali con la perfida Albione e su un possibile crollo del sogno europeo, siano molto tesi.

.

Axel Scheffler – Drawing (for) Europe

© Youtube FrenchInstituteUK

Matteo Corallo

Assisi, gioiello umbro che piace anche alla Cancelliera

Articolo precedente

Berlino, fra scarsa integrazione e denaro

Articolo successivo

Ti potrebbe piacere anche

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *