Perfect Reflection © Tom Jacobi SrCA
Perfect Reflection © Tom Jacobi SrCA
© Tom Jacobi SrCA

Crack Crack © Tom Jacobi SrCA

Per quasi due anni Tom Jacobi ha viaggiato attraverso i sette continenti alla ricerca di paesaggi arcaici dominati dalla loro luminosità o aperti alla luce, per ricreare momenti unici in termini di armonia e bellezza. Le fotografie di “Into the Light” simboleggiano quell’uomo che esce dall’oscurità, sforzandosi di cercare la luce del significato della vita. Guardando verso l’alto verso il sole che ci riempie del più luminoso di tutti i colori: il bianco. Il bianco occupa quindi una posizione particolare nello spettro dei colori. Il bianco è, come il nero e il grigio, un colore acromatico. In definitiva, non è affatto un colore – o per dirla in modo diverso: il bianco è la somma di tutti i colori, la somma di tutte le lunghezze d’onda all’interno dell’intervallo visibile. Così suscita la stessa impressione di colore della luce del sole. Non c’è quasi alcun contesto in cui il bianco è considerato negativo. Il bianco è vissuto come lo sguardo positivo nella luminosità, mentre il nero è visto come negativo, come guardare nell’oscurità.

Fairy Forest © Tom Jacobi SrCA

Fairy Forest © Tom Jacobi SrCA

Il bianco è affermazione; il nero è la negazione. Il bianco ha echi di purezza immacolati. È il simbolo della trasparenza e della trascendenza. Nella sua purezza, luminosità abbagliante, magia e simbolismo, il colore bianco ha sempre esercitato una grande attrazione sulle persone. È parte integrante della storia umana, di tutte le religioni, filosofie e della natura: gli antichi Egizi sceglievano il bianco come il colore della gioia. I Romani descrissero qualcuno che era sempre fortunato come “figlio della gallina bianca”. Nel buddismo, il fiore di loto bianco è il simbolo dell’illuminazione. “Dio disse: sia la luce” è il punto di partenza della fede cristiana. Le fotografie di Tom Jacobi celebrano l’impegno per la luce in modo impressionante: monumentale e magico. La luce è l’opposto del nero, antagonista del vuoto e del caos. Le sue immagini in parte astratte e surreali della natura spiegano il loro potere senza tempo e offrono spazio per la contemplazione, donano bellezza ed equilibrio.

La galleria

La galleria di Berlino © SR Contemporary Art

La galleria di Berlino © SR Contemporary Art

SR Contemporary Art è stata fondata da Sabrina Raffaghello nel 2001 come piattaforma per esporre posizioni contemporanee e storiche nella fotografia italiana. Da allora SR ha allargato il campo d’azione agli artisti internazionali che lavorano nel campo della fotografia, della multimedialità e delle arti visive, pur rimanendo fedele al suo focus originale. Ha aperto la strada agli artisti internazionali che lavorano nel campo della fotografia, della multimedialità e delle arti visive. Nel 2017 la galleria ha trasferito la sua sede da Milano a Berlino. Berlino è stata scelta, infatti, come luogo privilegiato rispetto al mercato internazionale e tra le diverse anime europee, oltre che per la natura del crocevia dei flussi culturali tra Oriente e Occidente – a cui la galleria è storicamente legata. Allo stesso tempo, tuttavia, Berlino significa avere sempre uno sguardo aperto su uno dei laboratori chiave delle tendenze artistiche del mondo – un vero router per l’elaborazione e la produzione di linguaggi contemporanei.

L’artista
Black Line II © Tom Jacobi SrCA

Black Line II © Tom Jacobi SrCA

Tom Jacobi ha iniziato la sua carriera nel 1976 nel genere della fotografia di ritratti, concentrandosi sui ritratti dei principali politici tedeschi, tra cui Willy Brandt, Helmut Schmidt e Helmut Kohl. Nel 1977 ha lavorato alla rivista “Stern”, come fotografo fino al 1986. Ha creato un totale di 29 copertine per la rivista e ha vinto numerosi premi per il suo lavoro formativo, anche da parte dell’Art Directors Club. Nei 14 anni successivi Tom Jacobi ha lavorato come fotografo freelance, per riviste come “Vogue”, “Amica” e “The New Yorker” e ha creato numerose campagne pubblicitarie e di moda. Nel 2000, è tornato in “Stern” come art director e membro del comitato editoriale. La sua mostra “Where God Resides”, completata nello stesso anno, è stata presentata a livello internazionale, tra l’altro al “Museum für Kunst und Gewerbe” di Amburgo. Il fotolibro con lo stesso nome divenne rapidamente un bestseller. Nel 2005 ha fondato la rivista “View”, il cui redattore capo era fino al 2008. Da allora Tom Jacobi ha lavorato come fotografo.

Ha all’attivo molti libri tra cui “Grey Matters” e “Into the Light”, editi da Hirmer.

La mostra, a cura di Sabrina Raffaghello e Gert Elfering, si svolgerà dall’11 aprile al 20 maggio, con l’inaugurazione, solo su invito, giovedì 11 aprile dalle 18:00 alle 21:00.

Catalogo: Into the Light ed.Hirmer

Quando: 11 aprile – 20 maggio

Dove: Sr Contemporary Art

Crescere bilingui. Se il bambino rifiuta una lingua

Articolo precedente

Lucio Caracciolo: la Germania in un mondo in totale trasformazione

Articolo successivo

Ti potrebbe piacere anche

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *