visions alive © artplay media 2017

Von Monet bis Kandinskyè l’installazione multimediale che permette di fare il giro dei musei del mondo in poco più di un’ora, restando comodamente seduti. Oltre mille quadri di sedici noti pittori sono proiettati direttamente sulle pareti che circondano il visitatore, in un viaggio attraverso tratti e pennellate. Da Munch a Klimt, da Van Gogh a Gauguin – il nome dell’artista appare, di volta in volta, su uno schermo nero, sempre abbinato a un saggio aforisma pronunciato nel corso della sua vita. I loro capolavori, animati digitalmente, prendono vita, ora ingrandendosi fino a risucchiare gli spettatori, ora scomponendosi in forme e colori. Dei dipinti si scoprono minuti dettagli che talvolta sfuggono all’osservazione museale, se ne apprezzano le segrete sfumature. Il filo conduttore è la rottura con la tradizione, il vento innovatore con cui ciascun artista ha rivoluzionato la propria epoca.

visions alive © artplay media 2017

Per alcuni pittori la visione sul grande schermo è particolarmente efficace. Di Van Gogh vengono mostrati i numerosi autoritratti, con un montaggio che vede i tratti del pittore fondersi e ricostituirsi man mano nelle successive produzioni. Sembra di vedere il ritratto crescere e cambiare come un essere umano, spingendoci a riflettere sui mille volti del suo creatore. Con Mondrian, invece, scivoliamo in un mondo di colori e forme primarie – un’oscurità antecedente alla creazione simile alla mente dell’artista, in cui le idee appaiono come lampi di pulsanti verità. Suggestivo L’urlo di Munch, che si para davanti al pubblico a grandezza moltiplicata, occupando l’intero schermo.

visions alive © artplay media 2017

Certo, questa esperienza multimediale, per quanto gradevole e istruttiva, non può sostituire la visione dal vivo. La riproduzione di un quadro è come la foto della persona amata. Del resto non occorre far rimbalzare i quadrati di Malevich o far piovere fiorellini su Monet per rendere le loro opere vive: lo sono già, senza bisogno di escamotage. Tuttavia, Visions Alive è un interessante esperimento di quel che potremmo chiamare museo-cinema. Non passeggiata di quadro in quadro, ma visione al buio in compagnia di altri “spettatori”. Il momento normalmente personale della visita a una mostra diventa esperienza collettiva, come è proprio del cinema e del teatro. Spingendoci più oltre nell’analogia, possiamo esplorare il significato dell’arte. I film e gli spettacoli raccontano storie; non è proprio, questo, anche dei quadri? Se andassimo al museo immaginando ogni cornice come un piccolo palcoscenico dove i protagonisti non stanno fermi nella loro inappellabile bellezza, ma partecipano a un’azione, non ne sarebbe la nostra visita arricchita (e la nostra fantasia stimolata)?

Proiettare La notte stellata non la trasforma in un cortometraggio, ma ci invita a osservarla sotto una nuova luce. La sua luce propria, poi, vibrante nel blu della tela custodita al MoMA di New York, non sarà mai eguagliata da nessun proiettore.

Quando: ogni giorno dalle 10:00 alle 20:00

Dove: Alte Münze Berlin

Costo: 12,5 € – 9,5€ ridotti, 8,5€ gruppi (fino a 4 persone), 7€ gruppi (fino a 10 persone)

.

Visions Alive

 

Print Friendly, PDF & Email