Le verruche © Youtube Vito Lavolpe
Le verruche © Youtube Vito Lavolpe
Verruca-vulgaris-©-CC-BY-SA-3.0-WC

Verruca-vulgaris-©-CC-BY-SA-3.0-WC

Molti pazienti hanno problemi legati alla pelle: cisti, calli, verruche e sempre più di loro non trovano una soluzione. Oggi vorrei rispondere ad alcune domande: cosa sono le verruche? Cosa posso fare per eliminarle? In Germania che tipo di trattamenti posso fare per combatterle?

Le verruche (Warzen) sono piccole escrescenze cutanee causate dal Papilloma Virus Umani. Esse possono svilupparsi a qualunque età, ma sono più frequenti nei bambini e meno negli anziani. Possono essere singole o numerose. Solitamente, la diffusione avviene quando è presente una lesione della pelle: il Papilloma Virus si inserisce nelle ferite, le quali possono essere estremamente piccole, e il contagio avviene negli strati superficiali della pelle; spesso la trasmissione si verifica da un’area all’altra del corpo, ma può anche avvenire da una persona all’altra. Il contagio avviene solitamente in luoghi molto frequentati come docce, palestre e piscine, dove il clima caldo e umido favorisce la sopravvivenza del virus in forma attiva. Mancando queste condizioni ambientali il virus non sopravvive a lungo al di fuori degli strati cutanei.

Le verruche © Youtube Vito Lavolpe

Le verruche © Youtube Vito Lavolpe

Nella maggior parte dei casi, le verruche non sono pericolose, ma possono essere molto fastidiose e alcune fanno male se toccate. Nella stazione eretta, quelle sui piedi possono esser dolorose. Inoltre possono presentare puntini neri, in particolare se vengono tagliate. Sono una patologia classificate secondo la localizzazione e la forma. Il medico può riconoscerle dal loro aspetto tipico. Molte, specialmente quelle comuni, scompaiono spontaneamente entro uno o due anni. Poiché di rado lasciano cicatrici quando guariscono spontaneamente, non necessitano di alcun trattamento, a meno che non causino dolore o stress psicologico. Tutti i tipi di verruche possono purtroppo rispuntare dopo la rimozione, o nella migliore delle ipotesi non comparire mai più. Quelle plantari, proprio per la loro sede, sono le più difficili da curare.

Sono inoltre contagiose e possono diffondersi in altre parti del corpo o essere trasferite ad altri membri della famiglia o persone che vi entrano in contatto. Per questo motivo è importante che siano trattate immediatamente al primo segno. Nella maggior parte dei casi le verruche più giovani sono più facili da rimuovere, in quelle più vecchie spesso il trattamento è più lungo e difficile.

La maggior parte può essere curata a casa con mezzi disponibili in farmacia. Ma ci sono casi in cui un medico o un dermatologo può raccomandarne la rimozione:

  • Se la verruca è presente da diversi anni;
  • Se dopo un’ampia gamma di trattamenti non si è ottenuto alcun effetto, e non si ottiene il risultato desiderato;
  • Se causano un forte dolore;
  • Se sono grandi o coprono una vasta zona.

In generale, le verruche possono essere rimosse con le seguenti procedure:

Le verruche © Youtube Vito Lavolpe

Le verruche © Youtube Vito Lavolpe

Sostanze chimiche: le sostanze chimiche tipiche usate includono l’acido salicilico, l’acido tricloroacetico, il 5-fluorouracile, la cantaridina, la tretinoina e la resina podofillina. Le verruche piane sono spesso trattate con sostanze esfolianti come la tretinoina o l’acido salicilico. Possono essere usate anche creme o soluzioni a base di 5-fluorouracile. Alcune sostanze chimiche sono applicate dal paziente stesso, mentre altre necessitano dell’intervento di un medico. La maggior parte di queste sostanze chimiche può ustionare la cute sana e, pertanto, in caso di automedicazione, è fondamentale seguire attentamente le istruzioni. Tali prodotti richiedono di solito numerose applicazioni per un periodo che varia da settimane a mesi. La verruca viene grattata, a casa o presso lo studio del medico, per asportare il tessuto necrotico prima di ogni trattamento.

Congelamento (crioterapia): il congelamento è sicuro. Solitamente, non è necessario anestetizzare l’area interessata, ma potrebbe essere troppo doloroso e non tollerato dai bambini. Le verruche possono essere congelate con vari dispositivi, o con l’azoto liquido spruzzato sulla lesione o applicato con un batuffolo di cotone. La crioterapia è spesso utilizzata per le verruche plantari, le verruche filiformi e per quelle sottoungueali delle mani. Spesso sono necessari numerosi trattamenti a intervalli mensili, specialmente per escrescenze di grandi dimensioni. Molti pazienti preferiscono affidarsi ad una clinica o ad un ospedale: il medico curante utilizza l’azoto liquido al fine di “congelare” la verruca a circa -190° C.

Le verruche © Youtube Vito Lavolpe

Le verruche © Youtube Vito Lavolpe

Bruciatura e taglio: questi metodi sono efficaci, ma sono più dolorosi e solitamente lasciano una cicatrice. Viene usato un laser o la corrente elettrica per bruciarle. Anche il laser pulsato è efficace, ma come la crioterapia richiede di solito numerosi trattamenti, e viene sconsigliato nei pazienti con una maggiore tendenza alla iperpigmentazione (fototipi con pelle scura). Anche ai pazienti con infezioni ricorrenti non è consigliato sottoporsi ad un trattamento laser, così come le persone con una tendenza alla formazione di cicatrici (cheloidi). Solitamente la rimozione laser viene indicata per la rimozione di verruche plantari o verruche di grande dimensione o particolarmente tenaci.

Chirurgia: le verruche possono essere rimossi chirurgicamente da un podologo (Fußpfleger oder Podologen) o da un medico chirurgo in ospedale. La rimozione chirurgica delle verruche è necessaria solo in casi rari e viene indicata per verruche particolarmente tenaci o dolorose.

Le verruche © Youtube Vito Lavolpe

Le verruche © Youtube Vito Lavolpe

Rimedi naturali: Ci sono una varietà di rimedi casalinghi naturali per la rimozione di verruche, di cui l’efficacia e l’efficienza non sono purtroppo scientificamente provati. I rimedi casalinghi maggiormente utilizzati sono l’olio di tea tree (Teebaumöl) o il comune nastro adesivo (Klebeband), e devono essere applicati sulla verruca dai 7 ai 10 giorni.

Non tutti i trattamenti fin qui descritti sono coperti da assicurazione sanitaria (Krankenkasse). Solo in circostanze particolari l’assicurazione sanitaria paga la rimozione o il trattamento della verruca, nei casi appunto in cui le verruche non rispondono a nessuna terapia chimica e/o non guariscono. Sostanzialmente non viene consigliata dalla assicurazione sanitaria la rimozione, poiché a seguito dell’intervento chirurgico di rimozione delle verruche possono comparire infezioni o cicatrici, o possono formarsi nuovamente. L’assicurazione sanitaria copre la rimozione chirurgica di una verruca solo se v’è un rischio di degenerazione della verruca stessa. Se si tratta di una procedura di cosmesi, le compagnie assicurative non pagano la rimozione chirurgica di una verruca.

.

Le verruche

© Youtube Vito Lavolpe

mm

Il “cerino” degli affitti scotta sempre più i politici tedeschi

Articolo precedente

Fine anno 2: Finis mundi e tanti auguri

Articolo successivo

Ti potrebbe piacere anche

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *