Lacke & Farben© il Deutsch-Italia
Lacke & Farben© il Deutsch-Italia
Sogni e verità © Giuseppe Menozzi

Sogni e verità © Giuseppe Menozzi

Giovedì 14 febbraio alle ore 17:30 sarà inaugurata, presso la Galleria Lacke & Farben, in Brunnenstrasse 170, a Berlino, la mostra personale di Giuseppe Menozzi intitolata “Tau: Dialogue and Peace”, a cura di Giammarco Puntelli.

La personale si colloca all’interno de “La solitudine dell’Angelo”, progetto ideato e curato da Giammarco Puntelli che, in collettiva, porterà opere di oltre 30 artisti contemporanei fra i più importanti in Italia nei seguenti luoghi: dal 10 marzo al 7 aprile alla Pinacoteca di Assisi, dal 1 settembre al 31 ottobre alla Galleria Lacke & Farben, a Berlino, e dal 19 ottobre al 3 novembre al Museo Nazionale di Tirana.

All’interno del progetto internazionale sono stati scelti sette maestri per essere protagonisti di mostre personali alla Lacke & Farben.

La prima personale è quella del maestro Giuseppe Menozzi. In mostra vedremo opere quasi interamente del terzo ciclo (detto ciclo del Tau) del maestro modenese che, lo scorso maggio, ha esposto a “Palazzo della Cancelleria” a Roma. Il percorso di mostra prevede circa trenta opere, alcune piccole, altre di misure più importanti, nelle quali il maestro racconta l’incontro con più dimensioni all’insegna della spiritualità, facendo dell’arte un ponte fra il sensibile e la metafisica. Sono attese autorità e appassionati per l’importante inaugurazione della mostra di un maestro che ha all’attivo esperienze espositive e bibliografiche davvero importanti.

Ripartenza © Giuseppe Menozzi

Ripartenza © Giuseppe Menozzi

Un’opera di Giuseppe Menozzi, nel 2015, è stata presa come copertina del “Catalogo dell’Arte Moderna. Gli artisti italiani dal primo Novecento ad oggi”, Giorgio Mondadori editore, privilegio concesso a pochi artisti del periodo contemporaneo. Menozzi ha all’attivo centinaia di mostre istituzionali, fra cui ricordiamo quella del “Premio Bancarella”, quella dedicata al suo lavoro dalla Regione Toscana, con un’opera scelta per la Pinacoteca della Regione stessa, quella fatta alla “Biblioteca Umanistica” a Milano, quella ai “Magazzini del Sale”, in piazza del Campo a Siena, quella a “Palazzo Ducale”, a Sabbioneta, quella al “Museo d’Arte Moderna e Contemporanea” di Gazoldo degli Ippoliti, quella a “Villa Mirra” a Cavriana.

Nel suo curriculum vari premi vinti, fra i quali il “Foyer des Artistes” a “La Sapienza” di Roma ritirato con il direttore del Tg1, il “Torre di Castruccio” a Carrara ritirato con Antonino Zichichi e Margherita Hack.

La mostra, che sarà presentata da Giammarco Puntelli, sarà visitabile fino al 13 marzo, da lunedì a sabato dalle 15:00 alle 18.30 (domenica chiuso).

.

Il ciclo del Tau di Giuseppe Menozzi

© Youtube Alessandro Mastrini

A Berlino “Artisti in sciopero”, un film di Elena de Varda

Articolo precedente

Sono qui per te

Articolo successivo

Ti potrebbe piacere anche

Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *