Olivo Barbieri 1995 © Courtesy of Olivo Barbieri Deutsche Bank Collection
Olivo Barbieri 1995 © Courtesy of Olivo Barbieri Deutsche Bank Collection
Olivo Barbieri 1995 © Courtesy of Olivo Barbieri Deutsche Bank Collection

Olivo Barbieri
1995 © Courtesy of Olivo Barbieri Deutsche Bank Collection

Nel 1984, un gruppo di fotografi italiani e, in minima parte, stranieri decise di realizzare un vero e proprio itinerario fotografico attraverso il Bel Paese: nacque così il libro Viaggio in Italia, uno sguardo multiprospettico sui luoghi, sulle persone e sui paesaggi italiani, seguito poi da una mostra itinerante.

La volontà di presentare l’Italia attraverso prospettive differenti è ripresa dalla mostra Images of Italy. Contemporary Photography from the Deutsche Bank, nata dalla collaborazione – proficua – tra pubblico e privato, come sostiene Filippo Del Corno, Assessore alla Cultura del Comune di Milano: «La collaborazione tra un istituto museale pubblico, la Galleria d’Arte Moderna di Milano, e un’impresa privata, Deutsche Bank, offre l’opportunità di conoscere e ammirare un’importante collezione d’arte contemporanea in un accostamento suggestivo con le opere presenti nel patrimonio museale della GAM».

Gabriele Basilico Dancing in Emilia, 1978 © Gabriele Basilico-Archivio Gabriele Basilico Deutsche Bank Collection

Gabriele Basilico Dancing in Emilia, 1978 © Gabriele Basilico-Archivio Gabriele Basilico Deutsche Bank Collection

A partire dagli anni Settanta, Deutsche Bank inizia a collezionare fotografie di importanti artisti italiani e stranieri esponendole nelle sue tre sedi italiane (Bicocca e via Turati a Milano, P.zza SS. Apostoli a Roma). Per la prima volta una selezione di queste opere viene invece esposta in un museo italiano: «Proprio qui a Milano, che più di ogni altra città sta dimostrando di voler cogliere le sfide e le opportunità economiche, sociali e culturali della contemporaneità, vogliamo arricchire con un nuovo tassello il nostro impegno nel Paese, avviando un percorso di collaborazione stabile e duraturo con le principali istituzioni culturali della città», spiega Flavio Valeri, Direttore operativo Italia di Deutsche Bank.

Candida Höfer Biblioteca Riccardiana Firenze 2008 © Candida Höfer by SIAE 2019 Deutsche Bank Collection

Candida Höfer Biblioteca Riccardiana Firenze 2008 © Candida Höfer by SIAE 2019 Deutsche Bank Collection

Images of Italy consente ai visitatori di percorrere un itinerario fotografico, accompagnandoli nella scoperta non solo del paesaggio, ma anche della società, della storia e della cultura italiane, in un viaggio allo stesso tempo geografico e storico che attraversa la seconda metà del Novecento per arrivare ai giorni nostri. Lo sguardo interno dei fotografi italiani, che hanno avuto una strada privilegiata nella conoscenza del Bel Paese e della sua storia, si unisce a quello esterno degli artisti stranieri, che hanno osservato, conosciuto ed imparato ad amare l’Italia, la sua bellezza, il suo patrimonio e le sue contraddizioni.

Gli scatti di Luca Andreoni, Olivo Barbieri, Gabriele Basilico, Alfredo Camisa, Vincenzo Castella, Giovanni Chiaramonte, Günther Förg, Antonio Fortugno, Gaia Fugazza, Luigi Ghirri, Candida Höfer, Martin Liebscher, Armin Linke, Olaf Metzel, Jonathan Monk, Adrian Paci, Moira Ricci, Heidi Specker e Luca Vitone, rappresentano le tappe obbligate di un percorso che si snoda attraverso la Sala da Ballo, la Sala 29 e la Sala del Parnaso della GAM.

Olaf Metzel Calcetto sulla spiaggia di Marotta, Adria 1993 (2002) © Olaf Metzel by SIAE 2019 Deutsche Bank Collection

Olaf Metzel Calcetto sulla spiaggia di Marotta, Adria 1993 (2002) © Olaf Metzel by SIAE 2019 Deutsche Bank Collection

Nella prima sezione i fotografi esprimono la loro visione dell’Italia, presentandola da diversi punti di vista, mentre nella seconda viene messo in evidenza il loro lavoro nel montaggio e nell’utilizzo di tecniche digitali. La terza parte è forse quella che induce a una riflessione più profonda, perché in essa ci si interroga su come viene affrontato il tema dell’eredità culturale italiana.

Luca Vitone Mare Nostrum © Courtesy Luca Vitone Deutsche Bank Collection

Luca Vitone Mare Nostrum © Courtesy Luca Vitone Deutsche Bank Collection

Il visitatore ha la possibilità di solcare Mare Nostrum, mosaico di cartoline realizzato in esclusiva per la mostra da Luca Vitone, di ammirare il fascino di Roma, città senza tempo in cui antico e moderno convivono in una stridente armonia, ma può anche fare un salto nel passato, nelle sale da ballo della Riviera Romagnola degli anni Settanta, e contemplare l’eterna e colta bellezza della Biblioteca Riccardiana di Firenze.

L’iniziativa ha il partocinio del Consolato Generale della Repubblica Federale di Germania (Milano) e del Goethe Institut Mailand. Curatrici della mostra sono Paola Zatti, conservatore responsabile di GAM, Britta Färber e Christina März, della divisione Art, Culture & Sports di Deutsche Bank.

Per gli studenti delle scuole secondarie di primo grado sono previste visite guidate, organizzate da CorsiArte, che propone anche un percorso di formazione per gli insegnanti.

 Vincenzo Castella Monte S. Giacomo 1975 © Vincenzo Castella Deutsche Bank Collection


Vincenzo Castella Monte S. Giacomo 1975 © Vincenzo Castella Deutsche Bank Collection

Come sostiene Anna Maria Montaldo, Direttore Area Polo Arte Moderna e Contemporanea, Comune di Milano, l’iniziativa testimonia l’impegno della GAM nel rinnovarsi, facendo del museo un luogo inclusivo e dinamico: «Con la mostra Images of Italy – Contemporary Photography from the Deutsche Bank Collection, la Galleria d’Arte Moderna di Milano conferma la sua ormai consolidata vocazione ad accogliere e promuovere i linguaggi dell’arte contemporanea, in un dialogo fecondo con le proprie collezioni, focalizzate invece su espressioni artistiche più storicizzate».

mm
Cittadina del mondo, viaggiatrice e lettrice infaticabile, laureata in filosofia, ha scoperto la Germania durante gli studi universitari e da allora non può farne a meno. Collabora con "Comunicazione Filosofica".

    Viaggio sostenibile nel Veneto Orientale

    Articolo precedente

    Una giovane donna di 29 anni

    Articolo successivo

    Ti potrebbe piacere anche

    Commenti

    Lascia una risposta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *