I media tedeschi riflettono sul fatto che la maggioranza dei turchi tedeschi abbia votato per il ducetto del Bosforo. Warum?

Erdogan ha rinchiuso nelle patrie galere oppositori politici, giornalisti, intellettuali contro, scrittori e artisti critici. Quest’uomo è concettualmente la negazione dell’idea stessa di democrazia e sta trascinando il suo Paese verso una deriva senza ritorno. I Deutschtürken, nati qui, vissuti qui, andati a scuola qui, in Germania, una delle democrazie più liberali del mondo, lo hanno votato in massa. Warum? Tja, warum ist die Banane krumm, sagte unser Matte Lehrer, wenn er uns verarschen wollte, weil wir dumme Fragen stellten.

Grünen, Linke e Spd fanno spallucce. Per loro è perfettamente normale che le minoranze siano un po’ nazionaliste. L’importante è che non lo siano i tedeschi, perché ciò porterebbe dritti dritti al fascismo. Dunque, il nazionalismo dei Türkdeutschen sarebbe folklore, mentre quello dei Deutschdeutschen è sempre fascismo. Dei veri geni.

In fondo il problema della sinistra europea potrebbe essere molto più semplice di quanto sospettato: non si tratterebbe tanto di crisi di ideali, o di valori, o di visione politica, quanto di semplice crisi d’intelligenza.

Print Friendly, PDF & Email