Twittano in gruppo, come tordi che sciamano senza scopo né direzione, la frase che ostinatamente attribuiscano a Brecht “…prima vennero a prendere gli zingari…”, ma che è del pastore Martin Niemöller; nome troppo difficile da ricordare e da scrivere per via di quella Umlaut. S’indignano ottusamente se qualcuno gli fa notare che mezza Africa in Europa non ci sta, neanche a pigiarci tutti come sardine. Si augurano amorevolmente la morte di qualche profugo, uno vale l’altro, pur di mettere in imbarazzo il governo o chi non la pensa come loro. Sono i luminosi progressisti in magliettina rosso-pummarola, sedicenti democratici, buonisti, altruisti, sempre dalla parte giusta della storia, equi, solidali, con la morale sempre in piega e, ora che com’è noto, Hitler è al governo, pronti alle barricate partigiane contro chi fa affogare in mare i loro Kuscheltiere africani: Gli scafisti quindi? Neanche per sogno, sarebbe pretendere troppo da questi cervelli in pensione. Piuttosto, chi fa affogare i poveri migranti sarebbero quelli che vogliono un’immigrazione sostenibile, controllata e legale; cioè la maggioranza delle persone con la testa sulle spalle, e non i mercanti di uomini, verso i quali i custodi della morale Ong modificata non trovano mai una parola di condanna. Mai. E qui il sospetto che si tratti di un caso solidarietà omertosa è più che lecito.

Eppure, le morti per acqua nel Mediterraneo non cesseranno fino a quando per quei Fleba disperati ci sarà una chance, non di essere salvati e riportati in sicurezza ai punti di partenza, ma di approdare in Europa. Chi non lo vuole capire, chi indossa la magliettina rossa e poi magari nella vita quotidiana, quando c’è da tirare fuori il coraggio per aiutare veramente qualcuno, gira la testa dall’altra parte, deve dire chiaramente cosa lo spinge a chiedere di riaprire i porti. Volete salvare vite o volete sostenere la migrazione di massa sul continente europeo? Sono due cose ben distinte, ma voi, con la vostra imbecillità, con la vostra inconsistenza morale, le avete fuse insieme.

Print Friendly, PDF & Email