Posts tagged Matthias Müller


Auto

Volkswagen, il cerchio si stringe

Sinora s’è parlato del dieselgate prevalentemente come di un problema degli Usa, dove nelle ultime settimane è andato in porto un accettabile compromesso. D’ora in poi l’ondata dello scandalo si riverserà sull’Europa con 8,5 milioni di automobilisti danneggiati dalle auto manipolate del gruppo Volkswagen. Commissione Ue e avvocati di grido daranno ancora per molto tempo parecchio filo da torcere al gruppo di Wolfsburg.

Leggi l'articolo Nessun commento
Auto

2017: un anno veramente difficile

Anche l’Unione Europea (Ue) si è finalmente decisa a denunciare il Governo tedesco e il suo Ufficio federale per la Motorizzazione (Kraftfahrt Bundesamt) per aver omologato nell’arco di una decina d’anni una serie di auto diesel Volkswagen, senza accertarsi se i dati delle emissioni dei loro gas di scarico fossero truccati. La “mala-amministrazione” del Governo tedesco e il pressapochissimo giuridico della Commissione Ue sono un altro aspetto dello scandalo dieselgate, che si può spiegare soltanto con l’esistenza di una potente lobby tedesca dell’auto. In un qualche modo il gruppo Volkswagen sapeva di non correre il pericolo di essere scoperto fino a quando, nell’estate del 2015, le autorità americane per la difesa dell’Ambiente denunciarono la colossale truffa.

Leggi l'articolo Nessun commento
Auto

Soffia un vento forte da Oriente sull’auto tedesca

Il mondo delle quattro ruote è entrato in una fase di rapida evoluzione con l’entrata in scena del nuovo protagonista cinese, che giá ha preso a dettare le sue regole ai grandi dell´automobile, tedeschi e giapponesi. Per uscire dalla crisi del “dieselgate”, il gruppo di Wolfsburg dovrà puntare con tutte le sue forze sull’elettrico, ben sapendo di dover pagare un alto prezzo occupazionale.

Leggi l'articolo Nessun commento
Auto

Europei, clienti di second’ordine

La Volkswagen offre agli Usa e ai suoi automobilisti un risarcimento di 15 miliardi di dollari. Le autorità americane hanno tempo fino al 26 luglio per decidere di accettare o di rifiutare l’offerta. Se le leggi europee sulla difesa dell’Ambiente fossero severe come quelle americane, il grande gruppo automobilistico di Wolfsburg dovrebbe portare già oggi i suoi libri in tribunale.
Il processo alla VW avrebbe infatti fornito la prova della complicità della Bosch, fornitrice del software usato per la manipolazione dei dati di emissione dei motori diesel. Sinora la Bosch lo ha negato, ma alcuni avvocati americani avrebbero ora individuato le prove esaminando lo scambio della corrispodenza tra la casa di Wolfsburg e il marchio di Stoccarda.

Leggi l'articolo Nessun commento