Una scuola berlinese © il Deutsch-Italia

Una scuola berlinese © il Deutsch-Italia

Il prof. Klaus Klemm, già docente di Scienza dell’educazione presso l’Università di Duisburg-Essen, ha effettuato per conto della Fondazione Bertlsmann uno studio sul futuro dell’educazione in Germania. Secondo tale studio entro il 2030 ben la metà dei circa 125mila insegnanti delle scuole professionali andrà in pensione. Entro il 2020 ogni anno saranno necessari circa 4.000 nuovi docenti, entro il 2025 tale numero salirà a 4.800 e per il 2030 i docenti necessari saranno addirittura 6.000. Attualmente, però, sono solo 2mila gli insegnanti che ogni anno vengono formati nella Repubblica federale.

Jörg Dräger © CC BY-SA 3.0 © Arne Weychardt Bertelsmann Stiftung WC

Jörg Dräger © CC BY-SA 3.0 © Arne Weychardt Bertelsmann Stiftung WC

Sono numeri allarmanti, secondo Jörg Dräger, membro del comitato esecutivo della Fondazione e amministratore delegato del Centro per lo sviluppo dell’istruzione superiore “CHE: «Una carenza di insegnanti della scuola professionale indebolisce il nostro sistema educativo. Ciò priva i giovani di importanti opportunità educative e danneggia l’economia», ha dichiarato. Secondo l’ex senatore della città di Amburgo, anche se le previsioni sulla carenza d’insegnanti prevede un quadro che peggiora di giorno in giorno, tuttavia «la politica può ancora reagire» sulla questione. Secondo il manager si dovrebbero incentivare tanto i dipendenti part-time, quanto i pensionati affinché insegnino più a lungo, coprendo così almeno in parte la carenza del sistema dell’insegnamento tedesco.

Ad essere preoccupato per la situazione è anche Joachim Maiss, presidente della Federazione degli insegnanti delle scuole professionali (BVLB) e preside di una scuola professionale in Bassa Sassonia: «Prima delle vacanze estive cinque colleghi vanno in pensione, ma quando ricominciano le lezioni solo due nuovi colleghi sono pronti a sostituirli. Non sappiamo come assicurarci la lezione», si lamenta. Alle volte per supplire alla carenza d’insegnanti si decide di tagliare il programma e le ore di insegnamento. La copertura data dalle scuole professionali è a livello nazionale del 90 per cento, ma negli Stati della ex DDR tale percentuale si abbassa. Inoltre, secondo Eugen Straubinger, secondo presidente della BVLB, un grande problema risiede anche nella tipologia di studi necessaria all’Università per diventare insegnanti nelle scuole professionali: «Molti corsi sono simili a quelli richiesti per ingegneria. Ecco perché molti giovani hanno maggiori probabilità di scegliere di diventare ingegneri e quando hanno finito in molti scelgono il settore privato, dove possono ottenere una paga migliore».

La carenza degli insegnanti di scuole professionali © Bertelsmann Stiftung

La carenza degli insegnanti di scuole professionali © Bertelsmann Stiftung

In media la formazione di un insegnante richiede circa 7 anni, e a Berlino per supplire alla carenza di insegnanti si fa affidamento su qualunque tipo di docente, anche non ancora laureato. Nel 2018 solo un terzo degli insegnanti aveva completato il corso di studi all’inizio dell’anno scolastico. Secondo Dirk Zorn, uno degli autori dello studio, la situazione nelle scuole elementari è ancora più drastica. Solo un insegnante su otto impiegato è realmente preparato per lavorare con gli studenti di queste scuole. Al contrario per le superiori vi sarebbe un eccesso di candidati, secondo il presidente della Conferenza dei ministri dell’Istruzione federale (KMK) Helmut Holter. Secondo i calcoli fatti dalla Conferenza da lui presieduta, entro il 2030 il numero di studenti in Germania aumenterà di 278mila unità, raggiungendo così gli 11,2milioni.

Questa carenza potrebbe essere un’opportunità, con la conoscenza adeguata della lingua tedesca, per molti dei nostri insegnanti che sono ben formati, ma che hanno difficoltà a trovare un’occupazione nel nostro di Paese.

.

L’ironia della trasmissione satirica extra 3 nei confronti della politica per la situazione della carenza d’insegnanti

© Youtube extra 3

Print Friendly, PDF & Email