Il 25 aprile 1945, alle ore otto del mattino, mediante la radio, il Comitato di Liberazione Nazionale, impose la resa ai presidi nazisti e fascisti. “Arrendersi o perire”, questa era la frase che Sandro Pertini, che era alla testa del comando partigiano che liberò Milano, pronunciò alla radio.

Alla liberazione dell’Italia dalla dittatura si poté arrivare grazie al sacrificio di tanti giovani ragazzi e ragazze che, pur appartenendo ad un ampio ed eterogeneo schieramento politico (dai comunisti ai militari monarchici, passando per i gruppi cattolici, socialisti ed azionisti), si chiamavano con un solo nome: partigiani. Combatterono al fianco di molti soldati provenienti da Paesi diversi e lontani.

.

Milano liberata

Le parole di Sandro Pertini: “Arrendersi o perire”

Print Friendly, PDF & Email