Torino © Damiano Meo

Luccicante eredità dei Savoia, con pregiate dimore tutelate dall’Unesco, Torino «è una grande città piena di frastuono, di fabbriche, di palazzi enormi, di folle e di belle donne» – come scrisse Cesare Pavese, contemplando la vitalità della sua metropoli. Divenuta la prima capitale del Regno d’Italia (dal 1861 al 1865), si distinse sia nella lotta antifascista che nei gloriosi anni del Boom. Simbolo prestigioso del “Made in Italy”, come si evince dall’acronimo FIAT (Fabbrica Italiana Automobili Torino), dagli anni ‘50 all’ultima decade del Novecento, fu polo di attrazione per migliaia di operai sia dal Veneto che dal Mezzogiorno. Si infatuò di essa anche il filosofo Nietzsche che scrisse: «Trovo che qui valga la pena di vivere sotto tutti gli aspetti».

.

Torino…

© Youtube Dominik Schleuter

mm
docente ed autore. Si occupa di pedagogia speciale, glottodidattica e coaching. Collabora con università, centri di ricerca e scuole. È del 2016 il pamphlet interculturale "Storie di semola e semplicità" (Tau-Migrantes). Con la Jaca book, nel 2011, ha realizzato l’allegato fotografico di “Ai confini dell’impero”, libro-inchiesta di Giuseppe Ciulla. Nel 2009 è stato menzionato come "emergente" da Seat-Pagine Bianche d'Autore. A Milano è stato uno degli ospiti di BookCity2017.

    Quegli scrocconi degli italiani

    Articolo precedente

    Italiano? Ahi, ahi, ahi… no “politically correct” per te

    Articolo successivo

    Ti potrebbe piacere anche

    Commenti

    Lascia una risposta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *