Arenzano © Damiano Meo
Arenzano © Damiano Meo

Arenzano © Damiano Meo

Nata dall’abbraccio tra onde e rocce, Arenzano, vive l’estate con un’allegria contagiosa. Ricca di eventi, tra silent disco, carnevale estivo e feste culinarie, sembrerebbe non stancarsi mai di festeggiare la bella stagione. Tra gli sport acquatici praticati in questa cittadina, di circa 11 mila abitanti, c’è la canoa polo: uno sport a squadre in cui, con i remi, si cerca di lanciare la palla dentro una porta galleggiante. E per chi ama le immersioni c’è persino una palestra subacquea, per sommozzatori, fatta di prismi, cilindri e parallelepipedi che tratteggiano un percorso ad ostacoli. Lo stemma comunale è rappresentato da una palma, su un prato verdeggiante, incorniciata dal

Arenzano © Damiano Meo

Arenzano © Damiano Meo

motto: “Qui staremo ottimamente” (“Hic manebimus optime”). Ed è quello che sembrerebbero ribadire i pavoni che, liberamente ed indisturbati, passeggiano nello spazio pubblico, a ridosso della villa nobiliare Negrotto Cambiasso, oggi sede del Comune. Il premio Nobel per la letteratura Giosuè Carducci, nella poesia “In una villa”, descriveva l’atmosfera calma e sorridente di questa cittadina marinara, fatta di olivi, cedri, palme, ville signorili e dolce giovinezza, come un luogo in cui il tempo trascorre leggero, simile alla brezza che sale dal mare alla collina, tra gioiose attese e calmi ricordi (“o tra i placidi clivi, tra i cedri e le palme sedente/ bella Arenzano al riso de la ligure piaggia;/ operosa vecchiezza t’illustra, serena t’adorna/  signoril grazia e il dolce di giovinezza lume;/ facil corre in te l’ora tra liete aspettanze e ricordi/ calmi, sí come l’aura tra la collina e il mare”).

.

Arenzano

© Youtube Flurin Pfister

mm
docente ed autore. Si occupa di pedagogia speciale, glottodidattica e coaching. Collabora con università, centri di ricerca e scuole. È del 2016 il pamphlet interculturale "Storie di semola e semplicità" (Tau-Migrantes). Con la Jaca book, nel 2011, ha realizzato l’allegato fotografico di “Ai confini dell’impero”, libro-inchiesta di Giuseppe Ciulla. Nel 2009 è stato menzionato come "emergente" da Seat-Pagine Bianche d'Autore. A Milano è stato uno degli ospiti di BookCity2017.

    La distruzione dello spirito critico

    Articolo precedente

    Populista! Populista!

    Articolo successivo

    Ti potrebbe piacere anche

    Commenti

    Lascia una risposta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *