Luciano Barile

Informazioni sull'autore Luciano Barile

Luciano Barile è stato per oltre vent’anni, dal 1974 al 1996, il corrispondente ufficiale da Bonn del quotidiano economico-finanziario IlSole24Ore, testata per la quale ha continuato a collaborare fino al 2013. Ha lavorato, inoltre, sempre da Bonn come redattore economico per l’agenzia di stampa ANSA e per circa quarant’anni per l’ente radiofonico Deutschlandfunk

VW © il Deutsch-Italia
AutoScenari

L’auto tedesca sotto processo in Europa

Alla vigilia dell’entrata in vigore il primo di settembre del nuovo, più realistico, sistema di misurazione dei gas di scarico WLTP – Wordlwide Hanmonized Light Vehicles Test Procedure – le autorità europee di Bruxelles hanno affermato di aver motivi di dubitare che i produttori automobilistici stiano lavorando ad altri e più sofisticati sotterfugi per manipolare i dati di emissione delle loro auto diesel, come hanno già sempre fatto in passato. Il portavoce del partito dei Verdi, Oliver Krischer, ha dichiarato che i produttori non hanno assolutamente intenzione di lavorare a carte scoperte, ragion per cui sarà assolutamente necessario dar vita a un sistema europeo indipendente che ponga fine una volta per tutte agli imbrogli consumati a danno dei cittadini e dell’ambiente.

Leggi l'articolo 1 Comment
Ieri, oggi, domani

Aquarius. “Die Welt”: nessuno può criticare l’Italia

La nave Aquarius dovrebbe stare viaggiano verso il porto di Valencia, in Spagna, accompagnata da imbarcazioni italiane con a bordo viveri, medici e personale Unicef. L’arrivo nella città spagnola sarebbe previsto per il fine settimana. Purtuttavia dalla nave si sono rifiutati inspiegabilmente di lasciar scendere donne e bambini (per evitare separazioni familiari, dicono). Il vicepremier spagnolo, Calvo, è già a Valencia per coordinare le misure necessarie in vista dell’arrivo dell’Aquarius con il suo carico di migranti. Ringraziamenti all’Italia anche da parte del Commissario Ue Avramopuolos. Il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ha affermato che la questione migrazione è strategica perché è a rischio l’intera UE; se non si affronta e non si risolve questo problema si rischia di veder fallire tutto il progetto.

Leggi l'articolo Nessun commento
AutoIeri, oggi, domani

Bosch “reinventa” il motore diesel

A due anni e mezzo dallo scandalo del “dieselgate” il tribunale americano del Michigan ha emesso un mandato di cattura nei confronti dell’ex amministratore delegato della VW Martin Winterkorn, accusato di aver sistematicamente manipolato dal 2006, con l’aiuto della Bosch, i valori delle emissioni dei motori diesel Volkswagen. Il mandato di cattura potrebbe costare a Winterkorn il suo intero patrimonio, pensione milionaria compresa. La Bosch, intanto, non lascia dubbi sulla sua volontà di salvare il motore ad autoaccensione con il ricorso a una tecnica “rivoluzionaria”. In realtà, si tratta di una tecnica (Ad Blue) che da vent’anni trova applicazione negli autotreni, e che la Volkswagen non ha mai montato nelle sue autovetture per semplici ragioni di profitto.

Leggi l'articolo Nessun commento
Enogastronomia

Il grande rinnovatore della cucina italiana, amato anche in Germania

Ci sarà sempre un po’ di Gualtiero Marchesi in tutto ciò che d’italiano sarà servito in futuro a tavola. Il merito del grande chef milanese è quello di aver liberato la cucina italiana da schemi antiquati e tradizionali. Nella sua appassionata ricerca innovativa, Gualtiero Marchesi ha sempre potuto contare sul sapiente aiuto del “calderaio umanista” Eugenio Medagliani. A entrambi la cucina italiana deve grande rispetto e riconoscenza. Sentiremo tutti la mancanza di quello che è stato il padre del rinnovamento della nostra cucina e il più dotato ispiratore delle moderne tecniche di preparazione del cibo italiano.

Leggi l'articolo Nessun commento
Enogastronomia

Vapiano: i tedeschi il cibo italiano lo fanno meglio

La nascita, l’evoluzione, il successo e la continua crescita del gruppo gastronomico tedesco Vapiano, che ha puntato tutte le sue carte sull’offerta delle specialità italiane, spiega in parte il perché della campagna orchestrata dalle Camere di Commercio Italiane in Germania contro l’“italian sounding”, vale a dire l’imitazione della cucina italiana. Il vero danno però lo fanno soprattutto i piccoli ristoranti che sbandierano italianità per motivi di cassetta e che però non esistano a servire gli spaghetti al pomodoro o il risotto con gli scampi arricchiti con una generosa spruzzata di formaggio parmigiano.

Leggi l'articolo Nessun commento